Cipriano Iwene Tansi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Beato Cipriano Iwene Tansi
Blessed Cyprain Iwene Tansi.jpg
 

sacerdote trappista

 
Nascitasettembre 1903
Morte20 gennaio 1964
Venerato daChiesa cattolica
Beatificazione28 marzo 1998
Ricorrenza20 gennaio

Cipriano (al secolo Michael) Iwene Tansi (Igboezunu, settembre 1903Coalville, 20 gennaio 1964) è stato un presbitero nigeriano, religioso trappista; è stato proclamato beato da papa Giovanni Paolo II nel 1998.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iwene Tansi era nato nel settembre del 1903 a Onitsha in una famiglia animista. Venne battezzato all'età di 9 anni.

Diventò catechista nel suo villaggio ed entrò in seminario, dove fu consacrato sacerdote nel 1937.

È stato parroco ad Onitsha, dove si occupò dei giovani e della preparazione delle donne al matrimonio. Sostenne la riconciliazione fra i vari gruppi etnici locali e la lettura del Vangelo.

Nel 1950 viaggiò in Inghilterra, dove entrò nel monastero trappista di Monte San Bernardo a Leicester e assunse il nome religioso di Cipriano. Nel 1953 emise i primi voti, fu nominato maestro dei novizi, ma manifestò dei problemi di salute.

Padre Tansi è morto il 20 gennaio 1964 per un aneurisma. Al suo funerale parteciparono diversi sacerdoti. Nel 1986 il suo corpo fu definitivamente traslato in Nigeria.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Il suo elogio si legge nel Martirologio romano al 20 gennaio.

« Nel monastero di Mount Saint Bernard presso Leicester in Inghilterra, beato Cipriano (Michele) Iwene Tansi, sacerdote dell’Ordine cistercense: nato nella regione di Onitsha in Nigeria, ancora fanciullo professò, contro la volontà della famiglia, la fede cristiana e, ordinato sacerdote, con grande zelo si dedicò alla cura pastorale, finché fattosi monaco meritò di coronare la sua santa vita con una morte santa. »

(Martirologio Romano)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Beato Cipriano Iwene Tansi, in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it. URL consultato l'11 marzo 2013.

Controllo di autoritàVIAF (EN8238525 · ISNI (EN0000 0000 2806 5843 · LCCN (ENn86019663 · GND (DE121276287 · BNF (FRcb124696962 (data)