Cinzia Lenzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cinzia Lenzi
Cinzia Lenzi Miss Italia 1980.jpg
Altezza175 cm
Misure90-60-90
Occhiverdi
Capellineri

Cinzia Lenzi (Quarrata, 24 settembre 1964) è una ex annunciatrice televisiva ed ex modella italiana eletta Miss Italia 1980.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1979 vince, a 15 anni, il concorso fotografico di Miss Eleganza Toscana.[1]

Nel 1980, all'età di 16 anni, vince il concorso nazionale di Miss Italia . Un anno dopo la sua vittoria esordisce nello sceneggiato La felicità e in seguito lavora come modella professionista per la Fashion Models di Milano.[1]

Dal 12 settembre 1983 entra in televisione, scelta dal regista Davide Rampello, come nuova annunciatrice televisiva dei programmi di Rete 4, da poco venduta da Mondadori alla Fininvest, in sostituzione di Patricia Pilchard, coprendo tale ruolo fino al 1º luglio 1990 alternandosi con la collega Alessandra Buzzi.

Nel 1985 affianca Beppe Dossena nella conduzione di Caccia al 13.

Nel 1987 è nel cast di SandraRaimondo Show come valletta della versione vip di Zig Zag.

Ha affiancato per varie edizioni Gerry Scotti in Simpaticissima ed Ezio Greggio in Qua la zampa.[1]

Nel 1990 conduce la rubrica di moda Il girasole all'interno del programma Block notes e successivamente lascia definitivamente la televisione; il suo posto di annunciatrice di Rete 4 è preso da Emanuela Folliero.

Nell'estate del 2003 riappare in video dopo tredici anni di assenza, questa volta su Canale 5, per far parte della giuria del programma Velone, condotto da Teo Mammucari, per eleggere la nuova annunciatrice di Canale 5.

Nel 2005 è stata intervistata all'interno del programma Verissimo, su Canale 5.

Il 13 novembre 2009 è ospite di I migliori anni, su Rai 1.

Il 18 giugno 2017 è concorrente a Caduta Libera su Canale 5.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1985 è sposata con l'imprenditore tessile di Prato Gianmarco Fiaschi e ha due figli Ginevra e Manfredi.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]