Cinzia Lacalamita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Cinzia Lacalamita (Trieste, 3 luglio 1973) è una scrittrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua attività sulla carta stampata nel 2007 come editorialista di Social News. Nel 2008 diventa editorialista del quotidiano nazionale Affaritaliani.it. Nel 2009 entra a far parte degli autori di Aliberti editore e, successivamente, ne diventa consulente editoriale. Del suo primo libro – Daniele, storia di un bambino che spera – cede in toto i diritti d'autore a favore della ricerca: la causa da lei proposta trova riscontro tra i media e, in particolare, viene appoggiata da Il Fatto Quotidiano.[1][2] . Da quel momento, sino al 2013, è testimonial di Parent Project. Con il libro inchiesta L'Uomo nero esiste, avvia una campagna di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne.[3] Dopo la sua biografia, che racconta di una vita particolarmente travagliata, dichiara di non voler mai più scrivere da sola e ogni sua uscita editoriale – a partire dal libro intervista che riporta le ultime dichiarazioni dell'amica astrofisica Margherita Hack – è accompagnata dalla firma dello speaker radiofonico Igor Damilano, con il quale insegna scrittura creativa emozionale in più città italiane e gestisce un laboratorio stabile con lezioni a Trieste e Gorizia. Nel 2017, per la prima volta, i due autori vestono i panni di curatori per un'antologia di racconti selezionati tra i partecipanti ai loro corsi. Nello stesso anno vengono scelti come insegnanti di comunicazione per un progetto di alternanza scuola-lavoro atto a formare quaranta liceali come ufficio stampa dell'Unione Ginnastica Goriziana in occasione degli Assoluti di scherma.

Nel 2018 diventano responsabili culturali del Tea Room di Trieste, locale di tendenza in cui propongono con regolarità eventi letterali, mostre e conferenze.

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN172706026 · ISNI (EN0000 0001 2304 4610 · LCCN (ENno2011103389