Cimitero ebraico di Weißensee

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 52°32′41″N 13°27′30″E / 52.544722°N 13.458333°E52.544722; 13.458333 Il cimitero ebraico di Weißensee è il più grande cimitero ebraico d'Europa, inaugurato nel 1880. Vi sono sepolti oltre 100.000 morti[senza fonte].

Sull'aiuola circolare alla quale si ha accesso dall'ingresso principale si trova un monumento per commemorare i 6 milioni di ebrei che furono vittime della persecuzione nazionalsocialista. Sulle pietre sistemate a forma di cerchio sono incisi i nomi di tutti i grandi campi di concentramento.

Dietro l'aiuola circolare si trova la Trauerhalle (sala del Lutto), edificata da Hugo Licht nel 1880. A sud del luogo dove nel 1910 venne costruita la nuova Trauerhalle, distrutta nel 1944, si trova un campo dei caduti, in onore dei soldati ebrei morti durante la prima guerra mondiale. Al centro del campo è collocato un monumento realizzato in pietre di calcare conchilifero che rappresenta un altare monumentale.

A destra dell'ingresso principale, in un campo di tombe sull'angolo nord del cimitero, si trova un luogo della sepoltura per circa 90 rotoli della Torah che furono danneggiati durante la "Notte dei cristalli" nel 1938. Numerose personalità di Berlino sono sepolte in questo cimitero, tra le quali il politico sociale Max Hirsch (1832-1905), lo scrittore ebraico Micha Josef Bin Gorion (1865-1921), il pittore Lesser Ury (1861-1931) e gli editori Samuel Fischer (1859-1934) e Rudolf Mosse (1843-1920).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN169710276 · ISNI (EN0000 0001 1960 2325 · LCCN (ENn85259933 · BNF (FRcb125507050 (data)
Religione Portale Religione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di religione