Cimitero degli Allori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 43°44′50.35″N 11°13′48.92″E / 43.747319°N 11.230256°E43.747319; 11.230256

Cimitero degli Allori
Cimitero Evangelico Agli Allori II.jpg
Ingresso
Tipocivile
Confessione religiosaevangelica, mista (non cattolica)
Stato attualein uso
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàFirenze
LuogoGalluzzo
Costruzione
Periodo costruzione1860
Data apertura26 febbraio 1860
Mappa di localizzazione
Veduta interna

Il cimitero evangelico degli Allori (o agli Allori) si trova a Firenze, in via Senese 184, tra le Due Strade e il Galluzzo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il piccolo cimitero fu aperto il 26 febbraio 1860, quando le comunità non cattoliche di Firenze non poterono più seppellire i loro defunti nel cimitero degli inglesi di piazzale Donatello, poiché con l'abbattimento delle mura esso si era venuto a trovare all'interno della città e quindi i regolamenti comunali vi vietavano la tumulazione di nuove salme. Prese il nome dal podere degli Allori dove era situato.

Nato come cimitero protestante, il luogo è oggi privato e di rito evangelico, anche se dal 1970 accoglie defunti appartenenti anche ad altre confessioni, compresi alcuni musulmani.

Il cimitero è salito alle cronache nel 2006, quando la scrittrice e giornalista Oriana Fallaci vi è stata tumulata. Oltre a lei vi sono sepolti alcuni membri della sua famiglia e vi si trova un cippo commemorativo di Alekos Panagulis, compagno della scrittrice.

Personalità sepolte[modifica | modifica wikitesto]

Tra le più note si ricordano:

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Foresto Nicolai (a cura di), L'urne de' forti, monumenti e iscrizioni sepolcrali, Firenze, Coppini Tipografi, 2007.
  • Grazia Gobbi Sica, In loving memory. Il Cimitero agli Allori di Firenze, Firenze, Leo S. Olschki, 2016, ISBN 978-88-222-6416-9.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN237073688