Cima Genova (valle Gesso)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cima Genova
StatoItalia Italia
RegionePiemonte Piemonte
ProvinciaCuneo Cuneo
Altezza3 191 m s.l.m.
CatenaAlpi
Coordinate44°10′29.54″N 7°18′19.92″E / 44.174872°N 7.305533°E44.174872; 7.305533Coordinate: 44°10′29.54″N 7°18′19.92″E / 44.174872°N 7.305533°E44.174872; 7.305533
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Cima Genova
Cima Genova
Mappa di localizzazione: Alpi
Cima Genova (valle Gesso)
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Occidentali
Grande SettoreAlpi Sud-occidentali
SezioneAlpi Marittime e Prealpi di Nizza
SottosezioneAlpi Marittime
SupergruppoCatena Argentera-Pépoiri-Matto
GruppoGruppo dell'Argentera
SottogruppoMassiccio dell'Argentera
CodiceI/A-2.1-B.6.a

La cima Genova (3191 m s.l.m.) è una montagna delle Alpi Marittime in alta valle Gesso, in provincia di Cuneo. Fa parte del gruppo del monte Argentera.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

È la più meridionale delle punte della serra dell'Argentera.[1] Si trova sulla dorsale che dalla cima Ghiliè si distacca verso nord raggiungendo le due vette dell'Argentera, poco a sud della cima meridionale di quest'ultimo. La vetta sorge sul confine tra i comuni di Entracque ad est e di Valdieri ad ovest.

La dorsale principale si distende in direzione sud-nord, arrivando dalla cima Paganini attraverso il passo dei detriti, e salendo alla cima sud dell'Argentera. Dalla vetta si distacca, in direzione ovest-sud-ovest, la dorsale secondaria che, passando dalla cima Purtscheller e dalla punta de Cessole, raggiunge la Madre di Dio.

Dal punto di vista geologico, la montagna è costituita da gneiss appartenenti al massiccio cristallino dell'Argentera.[2]

Ascensione alla vetta[modifica | modifica wikitesto]

L'accesso principale alla vetta avviene attraverso la via Sigismondi, che si sviluppa dalla dorsale della Madre di Dio e sale poi fino alla cima sud dell'Argentera.

La via ha inizio dal colletto Freshfield, tra la cima Purtscheller e la punta de Cessole. L'avvicinamento può essere effettuato dal rifugio Remondino o dal rifugio Bozano. Sul sentiero che unisce i due rifugi va a morire la morena prodotta dal canale Freshfield, sul versante settentrionale della dorsale, che conduce al colletto omonimo. Si tratta di un canale detritico, con inclinazione di 40-50°, maggiore nella parte sommitale, spesso chiusa da una cornice nevosa.[3] In alternativa, si può raggiungere il colletto Freshfield da sud, risalendo dal sentiero N13 in prossimità del rifugio Remondino.[4][5]

Dal colletto, si risale in roccia fino alla cima Purtscheller (passaggi fino al III grado) da qui si scende al colletto Purtscheller, e proseguendo sempre in cresta si raggiunge la vetta della cima Genova. Il grado di difficoltà complessivo dell'intera via Sigismondi (di tipo alpinistico) è valutato in AD-/AD;[3][4][5] si tenga conto che questa valutazione considera anche il tratto tra la cima Genova e la cima sud dell'Argentera, che presenta i passaggi più difficili della via (III+).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le guide di Alp: Grandi monti/1, anno III, numero 1, estate 1989, Vivalda Editori, Torino, pagg. 15-16
  2. ^ Carta Geologica d'Italia scala 1:100.000 - foglio 90 - Demonte, su apat.gov.it. URL consultato il 4 maggio 2009 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2011).
  3. ^ a b gulliver.it - via Sigismondi dal canale Freshfield Archiviato il 1º luglio 2011 in Internet Archive.
  4. ^ a b gulliver.it - via Sigismondi con avvicinamento da sud Archiviato il 1º ottobre 2009 in Internet Archive.
  5. ^ a b ariadimontagna.net - via Sigismondi con avvicinamento da sud

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A. Parodi - F. Scotto - N. Villani, Montagne d'Oc - itinerari alpinistici dal Col di Nava al Monviso, CDA & Vivalda, Torino, 1985, ISBN 9789079900169

Cartografia[modifica | modifica wikitesto]