Ciliegia Ferrovia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ciliegia Ferrovia
Ciliegia ferrovia.jpg
Origini
Luogo d'origine Italia Italia
Regione Puglia
Diffusione Europa
Dettagli
Categoria ortofrutticolo
 

La Ciliegia Ferrovia è una cultivar di ciliegio largamente coltivata in Italia. Ha la caratteristica di essere "grossa", terminante a punta e di possedere un peduncolo lungo. Le prime notizie della Ciliegia Ferrovia si hanno nel 1935. Il primo albero nacque da un nòcciolo di ciliegie vicino a un casello ferroviario delle Ferrovie Sud-Est a circa 900 metri dalla periferia di Sammichele di Bari. Gli abitanti di questo paese la chiamarono "Ferrovì" perché l'albero era nato a pochi metri dai binari, lungo il carraio che porta alla Masseria Sciuscio. Per alcuni anni l'albero fu curato dal casellante ferroviario dell'epoca Rocco Giorgio. Successivamente si è diffusa sul territorio del sud-est barese fino ad arrivare a essere la principale cultivar di Turi e Conversano, entrambi paesi limitrofi che vantano una delle maggiori produzioni in Italia. Il suo sapore è intenso tanto da renderla la preferita per la distribuzione alimentare. È possibile mantenerla fresca per parecchi giorni (7 giorni circa) e quindi viene esportata in tutta l'Europa tramite camion frigoriferi. Nonostante tutto però la ciliegia ferrovia più gustosa la si può trovare a Turi per la sua posizione strategica.

Famosa la sua sagra della ciliegia ferrovia che si tiene ad inizio giugno che ha niente a che vedere con quella di Conversano.