Cielo giallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cielo giallo
Cielo giallо.png
Una scena del film
Titolo originaleYellow Sky
Paese di produzioneUSA
Anno1948
Durata98 min
Dati tecniciB/N
Generewestern
RegiaWilliam A. Wellman
Soggettoda un romanzo inedito di William R. Burnett
SceneggiaturaLamar Trotti
ProduttoreLamar Trotti per 20th Century Fox
Distribuzione (Italia)20th Century Fox (1949)
FotografiaJoseph MacDonald
MontaggioHarmon Jones
Effetti specialiFred Sersen
MusicheAlfred Newman
ScenografiaAlbert Hogsett, Lyle R. Wheeler
Ernest Lansing, Thomas Little (set decorator)
CostumiCharles Le Maire
TruccoBen Nye
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Cielo giallo (Yellow Sky) è un film del 1948 diretto da William A. Wellman.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ambientato nel 1867, un gruppo di sbandati, sette in totale, dopo aver partecipato ad una rapina in banca decidono di fuggire nel deserto. Dopo alcuni giorni, stremati dalla sete, giungono in un villaggio. Qui vengono accolti da una donna armata di fucile che li disseta. Il gruppo non mostra segni di gratitudine e anzi desidera l'oro che probabilmente la ragazza nasconde. Parte di loro vengono convinti dall'anziano nonno e stringono un patto con lui venendo pagati in oro. Altri, più avidi, cercheranno di prendere tutto l'oro dopo aver iniziato una battaglia interna.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Prodotto dalla Twentieth Century Fox Film Corporation il film venne girato in più luoghi della California: Alabama Hills, Death Valley National Park e Owens Lake.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Durante le riprese Gregory Peck si ruppe la caviglia in tre punti a causa di una caduta dal cavallo.

Inizialmente Paulette Goddard e Lauren Bacall erano considerati per la parte femminile che poi andò ad Anne Baxter.

Il film incassò 5.600.000 dollari negli USA.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne distribuito in varie nazioni, fra cui:[1]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Si elogiano l'ambientazione, la regia e l'interpretazione,[2] la pellicola nell'insieme viene definita come un classico robusto[3]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Remake[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1967 ne fu realizzato un remake, 6 pallottole per 6 carogne (The Jackals) diretto da Robert D. Webb.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Info sulle date di uscita
  2. ^ Segnalazioni cinematografiche, vol. 26, 1949, si veda anche Scheda su cinematografo.it
  3. ^ Morandini, pag 434

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Zanichelli Morando Morandini, Laura Morandini e Mauro Tassi, Il Morandini 2010, ISBN 978-88-08-30176-5.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema