Cidofovir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Cidofovir
Cidofovir Structural Formulae.png
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C8H14N3O6P
Massa molecolare (u) 279.187 g/mol
Numero CAS 113852-37-2
Codice ATC J05AB12
PubChem 60613
DrugBank DB00369
SMILES C1=CN(C(=O)N=C1N)CC(CO)OCP(=O)(O)O
Proprietà termochimiche
Categoria farmacoterapeutica Antivirale
Dati farmacocinetici
Biodisponibilità orale < 5%
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta
pericolo
Frasi H 301 - 315
Consigli P 301+310 [1]

Il cidofovir è un antivirale a largo spettro, efficace nel trattamento di un'ampia varietà di virus tra cui gli herpes virus (HSV-1 e HSV-2), il virus varicella-zoster (VZV), il citomegalovirus (CMV), il virus di Epstein-Barr (EBV), i Papovavirus (della famiglia Papovaviridae) ovvero il Papillomavirus (HPV) e il Polyomavirus, gli Adenovirus (della famiglia Adenoviridae), e i Poxvirus (della famiglia Poxviridae).

Il cidofovir agisce inibendo selettivamente la sintesi del DNA virale, tramite l'inibizione della DNA polimerasi virale e competendo anche con il substrato naturale dell'enzima.

È un analogo nucleotidico della citidina monofosfato. L'avere un fosfato attaccato all'analogo dello zucchero elude la necessità della fosforilazione iniziale da parte di un enzima virale.

Indicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente viene utilizzato come trattamento contro diverse forme tumorali come il carcinoma basocellulare, papillomatosi faringea, mollusco contagioso, ectima contagioso, forme di retinite e altre patologie dermatologiche in pazienti con HIV.
In seguito ai risultati riscontrati recentemente nell'utilizzo topico esterno[2], e a necessari ulteriori studi su efficacia e tollerabilità sistemica, questo nuovo farmaco si preannuncia come nuovo valido presidio nei confronti di alcune patologie virali dermatologiche.

Controindicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Da evitare in caso di ipersensibilità nota al farmaco, non si devono somministrare agenti nefrotossici per almeno una settimana dall'ultimo utilizzo del farmaco.

Effetti indesiderati[modifica | modifica wikitesto]

Fra gli effetti collaterali possibili (riscontrabili nell'utilizzo intravenoso) si rientrano cefalea, ematuria, dispnea, anemia, anoressia, vertigini, parestesie, dolore, nausea, disturbi gastrointestinali, infiammazioni dell'apparato oculare. Ha una spiccata attività nefrotossica che può essere diminuita grazie alla sua assunzione con Probenecid, idratazione del paziente e tempi lunghi tra una somministrazione ed un'altra. Il suo analogo ciclico ha la medesima attività, ma ha nefrotossicità di circa 10 volte inferiore.

L'unico effetto collaterale rilevato ad oggi nell'uso topico esterno (pomata) è la comparsa di un intenso bruciore di breve durata nella zona di applicazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 23.03.2013, riferita al sale idrato
  2. ^ Cidofovir: un promettente trattamento topico per le dermatosi virali

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Romanelli, Kerdel Franciso A, Trent Jennifer T, Manuale di terapia dermatologica, Milano, McGraw-Hill, 2006, ISBN 88-386-3913-2.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina