Cicogne in missione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cicogne in missione
Cicogne in missione.jpg
Tulip e Junior in una scena del film
Titolo originaleStorks
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2016
Durata87 min
Rapporto2,35:1
Genereanimazione, avventura, commedia
RegiaNicholas Stoller, Doug Sweetland
SceneggiaturaNicholas Stoller
ProduttoreBrad Lewis, Nicholas Stoller
Produttore esecutivoPhil Lord, Chris Miller, Glenn Ficarra, John Requa, Jared Stern, Steven Mnuchin
Casa di produzioneWarner Bros. Animation
Distribuzione in italianoWarner Bros. Italia
FotografiaSimon Dunson
MontaggioJohn Venzon
Effetti specialiDavid Alexander Smith
MusicheMychael Danna, Jeff Danna
ScenografiaPaul Lasaine
AnimatoriJoshua Beveridge,
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Cicogne in missione (Storks) è un film del 2016 diretto da Nicholas Stoller e da Doug Sweetland.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Fin dai tempi più antichi le cicogne hanno portato i neonati alle loro nuove famiglie, partendo dal picco del Monte Cicogna. Il boss delle cicogne però, dopo un incidente, decide di destinare le cicogne a spedire pacchi contenenti oggetti come telefoni, gadget e oggetti che le persone ordinano da casa. Tulip è una ragazza di 18 anni che vive con le cicogne, adottata dalla loro comunità dopo che Jasper, una cicogna addetta alle consegne, aveva voluto tenerla e aveva maldestramente rotto il suo localizzatore, cancellando l'indirizzo della sua nuova casa. Da questo incidente, che porta le cicogne a smettere di portare i neonati, è nata Cornerstore.com, ditta per la quale Junior lavora. Junior invece è una cicogna che dovrebbe diventare il nuovo boss, prendendo il posto del boss precedente, che diventerà a sua volta il presidente dell'azienda.

Junior diventerà boss solo ad una condizione: dovrà licenziare Tulip (che il vecchio boss considera molto pasticciona) e riconsegnarla al mondo degli umani. Junior però non trova parole per licenziare la ragazza e le affida il reparto smistamento lettere, facendole promettere di non uscire mai dalla stanza. Tulip è sorpresa, ma passa il tempo ad annoiarsi perché non riceve alcuna lettera. Fino al momento in cui Nate, un bambino figlio unico, inizia a desiderare un fratellino. I suoi genitori non si occupano molto di lui, in quanto parecchio impegnati col lavoro. Un giorno in soffitta, Nate trova un volantino delle cicogne e scrive una lettera chiedendo un fratellino, firmando col nome dei genitori.

Junior scopre che Tulip, una volta ricevuta la lettera, è uscita dall'ufficio e la raggiunge nel vecchio magazzino, dove si creavano i bambini da spedire in tutto il mondo. Qui Tulip e Junior combinano un pasticcio e creano così una neonata. Cercando di porre rimedio al danno creato, partono con un aeroplano costruito da Tulip, visto che Junior ha un'ala rotta a causa del pasticcio combinato nel reparto creazione bambini e quindi è inabile al volo. I due vengono però seguiti da Jasper, la cicogna esiliata, che voleva tenere Tulip quando era una neonata.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Junior: la più abile e laboriosa cicogna dell'azienda, che vuole consegnare immediatamente la bambina, ma che, dopo che Tulip lo convince, cambia idea.
  • Tulip: una ragazza orfana che si trova nell'azienda perché diciotto anni prima una cicogna distrusse per sbaglio il suo localizzatore.
  • Hunter: il principale antagonista del film, boss dell'azienda che inizialmente vuole lasciare il suo ruolo a Junior, ma che in seguito lo "disereda", offrendo il lavoro a Toady in cambio delle informazioni riguardo a Junior.
  • Toady: l'antagonista secondario del film, un piccione trattato male da tutti, specialmente da Junior, e perciò desideroso di vendetta su di lui.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel film sono presenti diverse famiglie omogenitoriali tra i genitori che ricevono i bambini dalle cicogne nella scena finale. Inoltre i bambini vengono consegnati anche a madri e padri single.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]