Ciclone Fani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fani
Ciclone categoria 4  (SSHS)
Il Ciclone Fani in una foto satellitare del 2 maggio 2019
Il Ciclone Fani in una foto satellitare del 2 maggio 2019
Formazione 26 aprile 2019
Dissipazione 5 maggio 2019
Venti
più veloci
215 km/h (130 mph) (sostenuti 3 minuti)
250 km/h (155 mph) (sostenuti 1 minuto)
Pressione minima 937 hPa (mbar)
Vittime 62
Danni $13 milioni (USD 2019)
Aree colpite Sri Lanka, Andhra Pradesh, India orientale, Bangladesh, Bhutan

Il ciclone Fani[1] (/fɒnio/; in bengalese ফণী) è stato un ciclone tropicale che ha colpito Sri Lanka, Andhra Pradesh, India orientale (Tamil Nadu e l'Andhra Pradesh), Bangladesh (nel distretto di Cox's Bazar), e Bhutan.[2]

Il ciclone tropicale, che ha colpito una vasta area dell'oceano Indiano, ha avuto origine da una depressione tropicale che si è formata a ovest di Sumatra il 26 aprile. In un primo momento un vento verticale ha ostacolato lo sviluppo della tempesta, ma le condizioni sono diventate più favorevoli il 30 aprile. Fani si è rapidamente intensificato e ha raggiunto la sua massima intensità il 2 maggio, avendo una portata equivalente a quella di un uragano di categoria 4 di fascia alta. Prima di arrivare sulla terraferma, si è indebolito e la sua struttura convettiva ha iniziato a perdere intensità, dissipandosi il 5 maggio.

Prima di colpire la terra ferma, le autorità dell'India e del Bangladesh hanno evacuato almeno un milione[3][4] di persone in rifugi per cicloni, che si ritiene abbiano contenuto il numero delle vittime.[5] Il bilancio delle vittime accertate sono 62, principalmente nell'India orientale e in Bangladesh.[6]

Secondo l'agenzia AsiaNews, le autorità indiane «hanno avviato una delle evacuazioni di massa più imponenti della storia dell'India, circa 800 mila persone», a fronte di raffiche di vento che avrebbero superato i 200 chilometri orari.[7][6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il ciclone Fani è arrivato in India, su Il Post, 3 maggio 2019. URL consultato il 9 maggio 2019.
  2. ^ Fani: iniziata l'evacuazione di 800 mila persone, su repubblica.it, 2 maggio 2019. URL consultato il 20 luglio 2019 (archiviato il 20 luglio 2019).
  3. ^ India. Il super-ciclone Fani devasta l'Orissa: oltre un milione di sfollati, su www.avvenire.it, 4 maggio 2019. URL consultato il 9 maggio 2019.
  4. ^ Ciclone Fani devasta il paese: milioni di persone evacuate, su www.ilmessaggero.it. URL consultato il 9 maggio 2019.
  5. ^ (EN) Hari Kumar, Jeffrey Gettleman e Sameer Yasir, ‘The Worst Is Over’: A Sigh of Relief in India, Mostly Spared by Cyclone, in The New York Times, 4 maggio 2019. URL consultato il 9 maggio 2019.
  6. ^ a b (EN) Gli sforzi per l'evacuazione del ciclone Fani hanno avuto successo, su BBC.com, 4 maggio 2019. URL consultato il 20 luglio 2019 (archiviato il 10 luglio 2019).
  7. ^ Orissa, in arrivo il ciclone Fani. Iniziata l’evacuazione di 800mila persone, in Asianews.it, 2 maggio 2019. URL consultato il 20 luglio 2019 (archiviato il 2 maggio 2019).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]