Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Ciceone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il ciceone (in greco antico: κυκεών, kykeón) è una bevanda rituale in uso nell'antica Grecia, legata, in particolare, al digiuno osservato durante la celebrazione dei misteri eleusini[1][2].

Uso rituale[modifica | modifica wikitesto]

L'uso rituale del ciceone è associato alla celebrazione dei misteri eleusini, riti religiosi iniziatici dell'antica Grecia relativi al culto di Demetra e Persefone[2]. Questa associazione nasceva dalla tradizione mitologica greca, secondo cui il ciceone sarebbe stata l'unico rifocillamento e ristoro accettato da Demetra durante la ricerca, in Sicilia, della perduta Persefone.[2] Tale tradizione rimanda all'innodia omerica, in particolare all'Inno a Demetra, in particolare ai versi 200-201 e 208-2011.[1]

Per questo motivo, il ciceone era la bevanda che veniva assunta da chi si sottoponeva al rito di iniziazione nel Telesterion[1]. In tale occasione, infatti, egli pronunciava la frase iniziatica: "Ho digiunato, ho bevuto il ciceone"[2], con cui esprimeva le due condizioni fondamentali e propedeutiche per poter accedere all'iniziazione: il digiuno e l'assunzione del ciceone[1]. Su tale fase preparatoria, appartenente a un percorso iniziatico di un rito misterico[1], non esistono rivelazioni e testimonianze: a giudicare dall'Inno a Demetra, si potrebbe dedurre che l'assunzione esclusiva del ciceone fosse associata a una pratica preparatoria di digiuno stretto, della durata di nove giorni.[1]

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Il significato della parola greca κυκεών è quello di "bevanda composita" e, all'occorrenza, "mescolata"[1]. Era, infatti, un miscuglio di ingredienti su una base di acqua: in una coppa riempita venivano aggiunti farina d'orzo e menta (γλήχων)[1]:

« Allora Metanira colmò una coppa di vino dolce come il miele e gliela offrì; ma la dea rifiutò perché non le era lecito, diceva, bere vino rosso e la invitò a darle da bere acqua e farina di orzo, mista a menta delicata »

(Omero, Inno a Demetra'[3])

Ovidio, nel descrivere la mistura, non nominandola nello spazio dei suoi versi, ne indica la composizione come vino con aggiunta di fiocchi di segale tostati[4]

Poiché gli ingredienti aggiunti non erano in grado di dissolversi nel liquido, vi rimanevano in sospensione, così che era necessario agitare ripetutamente la mistura durante la beva, fino al suo completo consumo[2].

Secondo l'etnologo Gordon Wasson[5], il chimico Albert Hofmann e altri studiosi[6], gli stati mistici e rivelatori ottenuti dai partecipanti ai Misteri Eleusini erano ottenuti tramite il ciceone stesso, la cui segale sarebbe stata infestata dal suo parassita Claviceps purpurea, comunemente detto ergot, che ha effetti psicoattivi e dal quale si ricava l'LSD.

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il ciceone è oggetto di numerose citazioni, fin dai testi omerici[2].

Nell'Odissea di Omero, il ciceone è la pozione che viene offerta dalla dea Circe, come dono di ospitalità ai compagni di Ulisse, che vengono trasformati in porci. Ulisse invece, quando beve il miscuglio da una tazza d'oro, resta immune al sortilegio grazie al moli (μῶλυ), la pianta-antidoto fornitagli da Ermes, e può così salvare i compagni.

In un frammento di Eraclito[7], l'esempio del ciceone, con i suoi ingredienti immiscibili inconciliabili, è utilizzato come illustrazione familiare e metaforica della necessità degli opposti[2].

Nella commedia La pace di Aristofane[8], Hermes raccomanda il ciceone al protagonista eroico dell'opera, il vignaiolo Trigeo, che ha mangiato troppa frutta secca e noci. Per questo è stato congetturato che potesse avere proprietà digestive.

In un passo di Teofrasto[9] si descrive un contadino zotico che, dopo aver bevuto il ciceone, si reca a una seduta dell'ecclesia con un alito insopportabile.

Cognidium[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Cognidium.

Secondo una congettura formulata da Nino Tamassia, il suono greco del nome può essere accostato a quello latino del cognidium, probabilmente un vino medicato bevuto dal padre della Chiesa Papa Gregorio I[10].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Angelo Tonelli, Eleusis e Orfismo ISBN 9788807901645
  2. ^ a b c d e f g William Keith Chambers Guthrie, A History of Greek Philosophy Volume I: The Earlier Presocratics and the Pythagoreans, cit., p. 449
  3. ^ Angelo Tonelli, Eleusis e Orfismo. I misteri e la tradizione iniziatica greca. Testo greco a fronte, Feltrinelli, 2015, ISBN 9788807901645.
  4. ^ Karl Kerényi, Eleusis: Archetypal Image of Mother and Daughter, p. 178
  5. ^ "Mixing the Kykeon", ELEUSIS: Journal of Psychoactive Plants and Compounds, New Series 4, 2000
  6. ^ La segale cornuta o ergot | Giorgio Samorini Network
  7. ^ fr. 125
  8. ^ Aristofane, La pace, v. 712
  9. ^ Teofrasto, I Caratteri, IV, 2–3
  10. ^ Nino Tamassia, Scritti di storia giuridica, Volume 1, 1964 (nota 69 a p. 424)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]