Ciak d'oro 1998

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roberto Benigni regista de La vita è bella, vincitore nella categoria miglior film, miglior regia e migliore attore
Nicoletta Braschi vincitrice del premio alla migliore attrice per La vita è bella

13ª edizione dei Ciak d'oro tenutasi nel 1998. Le pellicole cinematografiche che ottengono il maggior numero di premi sono La vita è bella di Roberto Benigni e Tano da morire di Roberta Torre con quattro riconoscimenti.

Vincitori e candidati[modifica | modifica wikitesto]

I vincitori sono indicati in grassetto, a seguire gli altri candidati.[1][2][3][4][5]

Miglior film[modifica | modifica wikitesto]

Miglior regista[modifica | modifica wikitesto]

Migliore attore protagonista[modifica | modifica wikitesto]

Migliore attrice protagonista[modifica | modifica wikitesto]

Migliore attore non protagonista[modifica | modifica wikitesto]

Migliore attrice non protagonista[modifica | modifica wikitesto]

Migliore opera prima[modifica | modifica wikitesto]

Migliore sceneggiatura[modifica | modifica wikitesto]

Migliore fotografia[modifica | modifica wikitesto]

Migliore sonoro[modifica | modifica wikitesto]

Migliore scenografia[modifica | modifica wikitesto]

Migliore montaggio[modifica | modifica wikitesto]

Migliore costumi[modifica | modifica wikitesto]

Migliore colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Miglior manifesto[modifica | modifica wikitesto]

Migliore film straniero[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enrico Lancia, Ciak d'oro, su books.google.it. URL consultato il 12-04-20.
  2. ^ Enrico Lancia, Dizionario del cinema italiano, su books.google.it. URL consultato il 14/04/20.
  3. ^ La Vita è Bella torna in tv: su Cine34 il capolavoro di Benigni tra lacrime, risate ed un falso storico, su occhionotizie.it. URL consultato il 25/01/21.
  4. ^ Il 30 giugno del 1957 nasce Silvio Orlando, ironico e talentuoso attore napoletano, su occhionotizie.it. URL consultato il 30/06/19.
  5. ^ Marina Confalone, su notiziecinema.it. URL consultato il 09/02/21.
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema