Ciacco dell'Anguillara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Ciacco dell'Anguillara (... – ...) fu un poeta fiorentino del secolo XIII.

Ciacco, probabile ipocoristico di Jacopo o soprannome di maiale, non è da identificare in nessuno degli autori omonimi che si ritrovano nei manoscritti del Duecento e tanto meno con il Ciacco che interagisce con Dante nel VI canto dell'Inferno.

Nel Canzoniere Vaticano sono conservati due contrasti di carattere giullaresco, scritte in quartine di settenari doppi dal titolo Giema laziosa e Part'io mi cavalcava, che riportano il nome di Ciacco dell'Anguillara [1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il libro de varie romanze volgare. Codice Vaticano 3793, ed. diplomatica a c. di F. Egidi, S. Satta, G. B. Festa e G. Ciccone, Società filologica romana, Roma, 1902-1908, pagg. 243-244-247

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]