Chuck Close

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Chuck Close (Contea di Snohomish, 5 luglio 1940) è un pittore e fotografo statunitense.

Ha raggiunto la fama mondiale come pittore iperrealista grazie ai suoi quadri di grandi dimensioni. Nonostante un collasso dell'arteria vertebrale nel 1988 lo abbia lasciato gravemente paralizzato, ha continuato a dipingere e produrre opere ricercate da musei e collezionisti. Nominato da Obama presidente del Comitato Presidenziale per le Arti, si è dimesso all'elezione di Trump con una lettera in cui scriveva che "ignorare la Sua retorica di odio significherebbe essere complici."[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN114935366 · ISNI (EN0000 0000 8183 3282 · LCCN (ENn50061466 · GND (DE118871404 · BNF (FRcb124710046 (data) · ULAN (EN500031023 · WorldCat Identities (ENn50-061466
Pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura