Christophe Galtier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Christophe Galtier
Dnepr-StEttine (11).jpg
Galtier nel 2014
Nazionalità Francia Francia
Altezza 176 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Squadra Paris Saint-Germain
Termine carriera 1º dicembre 1999 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-19??non conosciuta SO Caillols
1982-1985Olympique Marsiglia
Squadre di club1
1985-1987Olympique Marsiglia52 (0)
1987-1990Lilla93 (0)
1990-1993Tolosa82 (0)
1993-1994Angers33 (1)
1994-1995Nîmes21 (0)
1995-1997Olympique Marsiglia62 (0)
1997-1998Monza24 (0)
1998-1999Liaoning23 (0)
Carriera da allenatore
1999-2001Olympique MarsigliaVice
2001-2002Arīs SaloniccoVice
2002-2004BastiaVice
2004-2005Al-AinVice
2005-2006PortsmouthVice
2006-2007SochauxVice
2007-2008Olympique LioneVice
2008-2009Saint-ÉtienneVice
2009-2017Saint-Étienne
2017-2021Lilla
2021-2022Nizza
2022-Paris Saint-Germain
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 5 luglio 2022

Christophe Galtier (Marsiglia, 23 agosto 1966) è un allenatore di calcio ed ex calciatore francese, di ruolo difensore, tecnico del Paris Saint-Germain.

Conclusa la carriera da calciatore e dopo una lunga esperienza come assistente, dal 2009 al 2017 ha allenato il Saint-Étienne, con cui ha vinto una Coppa di Lega francese (2012-2013). Dal 2017 al 2021 è stato alla guida del Lilla, vincendo un campionato francese (2020-2021). Dopo una breve parentesi al Nizza (2021-2022), dal 2022 allena il Paris Saint-Germain, con cui ha vinto una Supercoppa francese (2022).

A livello individuale, ha ottenuto tre Trophées UNFP du football come miglior allenatore della Ligue 1 (2013, 2019 e 2021).

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Da allenatore utilizza principalmente i moduli 4-2-3-1 e 4-4-2. Le sue squadre fanno ampio uso delle verticalizzazioni, sono compatte e tendono a costruire il gioco partendo dal portiere; in fase di non possesso, invece, prediligono il pressing alto e la marcatura a uomo.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Calcisticamente cresciuto nel settore giovanile dell'Olympique Marsiglia, il 30 luglio 1985 debutta in Ligue 1 contro il Brest; con i bianco-azzurri disputa cinquantadue partite di campionato, raggiungendo due volte la finale di Coppa di Francia senza mai vincerla.

Nel 1987 si trasferisce al Lilla. Nel 1990 passa al Tolosa, dove gioca per tre stagioni. Nel 1993 viene acquistato dall'Angers, squadra neopromossa in Ligue 1 che, tuttavia, non riuscirà a mantenere la categoria. Dopo la retrocessione passa al Nîmes, ma complice qualche infortunio gioca solo venti partite prima di tornare all'Olympique Marsiglia.

Nel 1997 approda in Italia accasandosi al Monza, squadra militante in Serie B; dopo una sola stagione si trasferisce ai cinesi del Liaoning, dove termina la sua carriera da calciatore nel 1999.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Saint-Étienne[modifica | modifica wikitesto]

Galtier sulla panchina del Saint-Étienne nel 2015.

Dopo dieci anni di esperienza come vice-allenatore, a dicembre del 2009 viene promosso a tecnico della prima squadra del Saint-Étienne in sostituzione dell'esonerato Alain Perrin.[2] Nella sua prima stagione riesce a salvare la squadra dalla retrocessione mentre, negli anni successivi, migliora il piazzamento fino al quarto posto con conseguente qualificazione alle competizioni UEFA. Rimane sulla panchina dei Verts per otto anni vincendo, nel 2012-2013, una Coppa di Lega francese, primo trofeo del club dopo 32 anni di insuccessi.[3]

Lilla[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio del 2018 diventa il nuovo allenatore del Lilla.[4] Dopo aver evitato una retrocessione al primo anno, anche alla guida dei mastini riesce, col tempo, a ottenere buoni risultati: nel 2018-2019 si classifica secondo in campionato mentre, nella stagione 2020-2021, vince la Ligue 1 dopo un testa a testa con i campioni uscenti del Paris Saint-Germain. Tale successo gli consente anche di ottenere, per la terza volta, il premio come Miglior allenatore della Ligue 1.[5]

Nizza[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 giugno 2021 diventa il nuovo tecnico del Nizza.[6] Dopo aver concluso il girone di andata in seconda posizione, conclude il campionato al quinto posto, piazzamento che consente ai rossoneri di accedere alle qualificazioni per la UEFA Europa Conference League 2022-2023.[7] Il 7 maggio 2022 perde la finale di Coppa di Francia in favore del Nantes.[8] Il 27 giugno seguente lascia la panchina dei rossoneri.[9]

Paris Saint-Germain[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 luglio 2022 viene ufficializzato come nuovo allenatore del Paris Saint-Germain.[10] Il 31 luglio successivo debutta in gare ufficiali vincendo la Supercoppa francese, grazie al successo per 4-0 ai danni del Nantes.[11]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 4 febbraio 2023. In grassetto le competizioni vinte.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
gen.-giu. 2010 Francia Saint-Étienne L1 21 6 7 8 CF+CdL 4+1 2+0 1+0 1+1 - - - - - - - - - - 26 8 8 10 30,77 Sub. 17º
2010-2011 L1 38 12 13 13 CF+CdL 1+3 0+2 0+0 1+1 - - - - - - - - - - 42 14 13 15 33,33 10º
2011-2012 L1 38 16 9 13 CF+CdL 1+2 0+1 1+0 0+1 - - - - - - - - - - 41 17 10 14 41,46
2012-2013 L1 38 16 15 7 CF+CdL 4+5 2+2 1+3 1+0 - - - - - - - - - - 47 20 19 8 42,55
2013-2014 L1 38 20 9 9 CF+CdL 1+1 0+0 1+0 0+1 UEL 4 2 0 2 - - - - - 44 22 10 12 50,00
2014-2015 L1 38 19 12 7 CF+CdL 5+2 3+1 1+0 1+1 UEL 8 1 5 2 - - - - - 53 24 18 11 45,28
2015-2016 L1 38 17 7 14 CF+CdL 4+1 3+0 0+0 1+1 UEL 12 5 4 3 - - - - - 55 25 11 19 45,45
2016-2017 L1 38 12 14 12 CF+CdL 2+1 1+0 0+0 1+1 UEL 12 5 5 2 - - - - - 53 18 19 16 33,96
Totale Saint-Étienne 287 118 86 83 38 17 8 13 36 13 14 9 - - - - 361 148 108 105 41,00
gen.-giu. 2018 Francia Lilla L1 19 5 4 10 CF+CdL 2+0 1+0 0+0 1+0 - - - - - - - - - - 21 6 4 11 28,57 Sub. 17º
2018-2019 L1 38 22 9 7 CF+CdL 3+1 2+0 0+0 1+1 - - - - - - - - - - 42 24 9 9 57,14
2019-2020 L1 28 15 4 9 CF+CdL 3+3 2+2 0+1 1+0 UCL 6 0 1 5 - - - - - 40 19 6 15 47,50
2020-2021 L1 38 24 11 3 CF 3 2 0 1 UEL 8 3 2 3 - - - - - 49 29 13 7 59,18
Totale Lilla 123 66 28 29 15 9 1 5 14 3 3 8 - - - - 152 78 32 42 51,32
2021-2022 Francia Nizza L1 38 20 7 11 CF 5 3 1 1 - - - - - - - - - - 43 23 8 12 53,49
2022-2023 Francia Paris Saint-Germain L1 22 17 3 2 CF 2 2 0 0 UCL 6 4 2 0 SF 1 1 0 0 31 24 5 2 77,42 in corso
Totale carriera 470 221 124 125 60 31 10 19 56 20 19 17 1 1 0 0 587 273 153 161 46,51

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Saint-Etienne: 2012-2013
Lilla: 2020-2021
Paris Saint-Germain: 2022

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Miglior allenatore della Ligue 1: 2013, 2019, 2021

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Analisi tattica: Christophe Galtier, su assoanalisti.it, 2 novembre 2020.
  2. ^ Richard Tardy, le vrai-faux entraîneur des Verts, su foot01.com, 7 marzo 2010.
  3. ^ ASSE 1-0 Rennes, su poteaux-carres.com, 20 aprile 2013.
  4. ^ Lilla, Galtier è il nuovo allenatore, su corrieredellosport.it, 23 dicembre 2017.
  5. ^ Galtier eletto miglior allenato della Ligue 1, su tuttomercatoweb.com, 23 maggio 2021.
  6. ^ CHRISTOPHE GALTIER NOMMÉ ENTRAINEUR DE L’OGC NICE, su ogcnice.com, 28 giugno 2021.
  7. ^ (EN) Tables - Ligue 1 Uber Eats, su ligue1.com. URL consultato il 9 giugno 2022.
  8. ^ Coppa di Francia, la finale decisa da un rigore, su sport.sky.it. URL consultato il 9 giugno 2022.
  9. ^ Nizza, è UFFICIALE il ritorno di Favre. Galtier ad un passo dalla panchina del PSG, su calciomercato.com. URL consultato il 30 giugno 2022.
  10. ^ (FR) Christophe Galtier nommé nouvel entraîneur du Paris Saint-Germain, su psg.fr, 5 luglio 2022. URL consultato il 5 luglio 2022.
  11. ^ Doppietta Neymar, Ramos, Messi: poker e Supercoppa francese al nuovo Psg, su gazzetta.it, 31 luglio 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN306346916 · WorldCat Identities (ENviaf-306346916