Christine Leunens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Christine Leunens (Hartford, 29 dicembre 1964) è una scrittrice neozelandese e belga.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Hartford, Connecticut, nel 1964[1] da madre italiana e padre belga[2], vive in Nuova Zelanda[3].

Trasferitasi a Parigi da adolescente, ha conseguito un Master in inglese e lingua e letteratura americana all'Università di Harvard[4] e nel 1996 un premio per la migliore sceneggiatura al Centre national du cinéma et de l'image animée[5].

Dopo aver lavorato come modella per le principali case di moda[6], nel 1999 ha esordito nella narrativa con il romanzo grottesco Uomini da mangiare, ben accolto dalla critica e tradotto in varie lingue con più di 40000 copie vendute[7].

Nel 2008 ha dato alle stampe Come semi d'autunno (Caging Skies), storia di un ragazzo di nome Johannes membro della gioventù hitleriana e del suo amico immaginario Hitler che scopre che i suoi genitori nascondo una ragazza ebrea nella loro casa[8]. Tradotto due volte in italiano e finalista al Prix Médicis étranger[9], è stato trasposto in pellicola cinematografica 11 anni dopo per la regia di Taika Waititi[10].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Uomini da mangiare (Primordial Soup, 1999), Padova, Meridiano Zero, 2003 traduzione di Maurizia Balmelli ISBN 88-8237-061-5.
  • Caging Skies (2008)
    • Come semi d'autunno, Padova, Meridiano Zero, 2006 traduzione di Maurizia Balmelli ISBN 88-8237-109-3.
    • Il cielo in gabbia, Milano, Società Editrice Milanese, 2019 traduzione di Maurizia Balmelli ISBN 978-88-93901-56-7.
  • Il bacio inspiegabile del sole (A Can of Sunshine), Bologna, Meridiano Zero, 2013 traduzione di Delia Belleri ISBN 978-88-8237-272-9.

Adattamenti cinematografici[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Christine Leunens Biography, su allamericanspeakers.com. URL consultato il 27 dicembre 2019.
  2. ^ (EN) Grant Smithies, The former fashion model behind Taika Waititi's Jojo Rabbit success, su stuff.co.nz, 29 settembre 2019. URL consultato il 27 dicembre 2019.
  3. ^ (EN) Scheda dell'autrice, su fantasticfiction.com. URL consultato il 27 dicembre 2019.
  4. ^ (EN) Pagina dedicata alla scrittrice, su thesusijnagency.com. URL consultato il 27 dicembre 2019.
  5. ^ (EN) Introduzione all'autrice, su wgtn.ac.nz. URL consultato il 27 dicembre 2019.
  6. ^ (EN) Informazioni salienti, su read-nz.org. URL consultato il 27 dicembre 2019.
  7. ^ (EN) David Cohen, From Paris to Palmy, su noted.co.nz, 18 aprile 2008. URL consultato il 27 dicembre 2019.
  8. ^ “Jojo rabbit” e il suo Hitler immaginario: il film ispirato al libro “Il cielo in gabbia”, su illibraio.it, 20 dicembre 2019. URL consultato il 27 dicembre 2019.
  9. ^ (EN) Profilo di Christine Leunens, su authors.org.nz. URL consultato il 27 dicembre 2019.
  10. ^ (EN) Carly Lane, Christine Leunens on writing the book that inspired Jojo Rabbit, su syfy.com, 25 ottobre 2019. URL consultato il 27 dicembre 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN5244850 · ISNI (EN0000 0000 1313 8616 · LCCN (ENno00036291 · BNF (FRcb15566236z (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no00036291