Christijan Albers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Christijan Albers
Christijan Albers 2006.JPG
Dati biografici
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Automobilismo Automobilismo
Dati agonistici
Categoria Formula 1
Carriera
Carriera in Formula 1
Stagioni 2005-2007
Scuderie Minardi, Midland, Spyker
Miglior risultato finale 19º (2005)
GP disputati 46
Punti ottenuti 4
Statistiche aggiornate al GP di Gran Bretagna 2007

Christijan Albers (Eindhoven, 16 aprile 1979) è un pilota automobilistico olandese.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Le formule minori[modifica | modifica sorgente]

Esordisce nel 1997 vincendo il campionato nazionale olandese kart e i campionati Formula Ford di Olanda e Belgio. Nel 1998 passa alla Formula 3 tedesca che vince l'anno successivo.

Nel 2001 inizia la sua avventura in Formula 1, nei panni di tester per la scuderia italiana Minardi, e nel campionato tedesco per marche, il DTM, che lo vede impegnato con il Team Rosberg. La svolta della carriera avviene nel 2003 quando, pur proseguendo l'attività di tester per la Minardi, si mette in grande luce nel DTM vincendo diverse gare e laureandosi vice campione correndo con il team Hwa.

Nel 2004 un leggero passo indietro dato che la stagione DTM lo vede terminare al terzo posto assoluto. Durante l'anno prova le Formula 1 di Minardi e Jordan e la vettura del team Walker Racing in Champ Car.

Formula 1[modifica | modifica sorgente]

2005: Minardi[modifica | modifica sorgente]

Albers al Gran Premio del Canada 2005 con la Minardi.

Nel 2005, dopo anni passati come tester, l'olandese ha l'opportunità di debuttare in Formula 1 al volante della Minardi. La vettura è poco competitiva e Albers si trova spesso a lottare per le ultime posizioni in classifica. La stagione è in continuo crescendo con l'olandese che, a partire dalla seconda metà della stagione sta sempre davanti ad entrambi i compagni di squadra ce si sono alternati durante la stagione e, a volte, persino le due Jordan. Il miglior risultato stagionale è un 5º posto al Gran Premio degli Stati Uniti, gara disputata da sole 6 vetture, le sole gommate Bridgestone. Visti i discreti risultati, a fine stagione arriva la chiamata della Midland, per la stagione 2006.

2006: Midland[modifica | modifica sorgente]

Anche nella stagione 2006 Albers riesce a vincere il confronto con il compagno di squadra: il portoghese Monteiro. Stavolta, però, non riesce a ottenere punti durante la stagione, a causa della vettura poco competitiva che non permette all'olandese di andare oltre un 14º posto (buon risultato, vista la vettura a disposizione) in qualifica e un decimo in gara. Però riuscì a mettersi in luce riuscendo per ben 4 volte a passare la prima Manche di qualifiche, di cui una nella complicata pista di Suzuka. In gara riusciva a tenersi dietro vetture più potenti fino al primo pit stop, quando, grazie a giri più veloci, gli altri piloti riuscivano a passarlo. Si ricorda uno spettacolare incidente al Gran Premio di San Marino, dove viene tamponato dalla Super Aguri di Ide e inizia un ribaltamento che durerà parecchie decine di metri, dove, però, il pilota ne esce illeso. Al termine della stagione viene confermato anche per il 2007, nella scuderia che ha nel frattempo chiamato denominazione in Spyker F1, casa automobilistica olandese.

2007: La Spyker e l'addio alla Formula 1[modifica | modifica sorgente]

L'olandese alla sua ultima stagione in formula 1, sulla Spyker.

Nel 2007 l'olandese è accasato alla poco competitiva Spyker, con cui non riesce ad ottenere risultati soddisfacenti, tanto da essere licenziato dopo il Gran Premio di Silverstone. La stagione si stava svolgento molto sottotono, in quanto i migliori risultati in gara sono stati due 14° posti in Spagna e a Montecarlo, mentre in qualifica non andò oltre ad un ventesimo posto. Dopo il licenziamento l'olandese non rivolse alcuna azione legale nei confronti della scuderia, mantenendo buoni rapporti con il dirigente della squadra.

Dopo la Formula 1[modifica | modifica sorgente]

Nel 2008 prese parte nuovamente al DTM con una vettura del team Futurecom TME.[1] A dicembre dello stesso anno prese parte alla gara finale dell'American Le Mans Series a volante di un Audi, mentre nel 2009 e nel 2010 disputò il campionato europeo Le Mans Series. In entrambe le occasioni partecipò alla 24 Ore di Le Mans, ottenendo nel 2009 il titolo Rookie of the year.

Risultati in Formula 1[modifica | modifica sorgente]

2005 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Europe.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Brazil.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg Punti Pos.
Minardi PS04B / PS05 Rit 13 13 Rit Rit 14 17 11 5 Rit 18 13 NC Rit 19 12 14 16 16 4 19º
2006 Scuderia Vettura Flag of Bahrain.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Australia.svg Flag of San Marino.svg Flag of Europe.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Japan.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Midland M16 Rit 12 11 Rit 13 Rit 12 15 Rit Rit 15 SQ 10 Rit 17 15 Rit 14 0 22º
2007 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Europe.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Spyker F8-VII Rit Rit 14 14 19 Rit 15 Rit 15 0 25º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Christijan Albers confirmed at Futurecom TME, 5 aprile 2008. URL consultato il 7 giugno 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]