Christian Rocca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Christian Rocca

Christian Rocca (Alcamo, 23 gennaio 1968) è un giornalista, scrittore e blogger italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, ha mosso i primi passi nel mondo politico come appartenente al Partito Radicale di Marco Pannella ed Emma Bonino. È stato inoltre assistente parlamentare di Peppino Calderisi nel 1991.

Si è quindi dedicato al giornalismo: nella redazione de Il Foglio di Giuliano Ferrara sin dalla fondazione, è inviato per Il Sole 24 ORE e scrive su Vanity Fair occupandosi soprattutto di politica statunitense e internazionale. Fino al dicembre 2013 ha tenuto una rubrica di musica, Gommalacca, sul domenicale del Sole. Dal febbraio 2012[1] al gennaio 2018 è stato direttore de IL, mensile dello stesso quotidiano; poi per un bimestre ha ripreso il ruolo di inviato ed editorialista del Sole,[2] per approdare poi con i medesimi incarichi a La Stampa.[3]

Fin dal 2002 ha un blog giornalistico, Camilloblog.it, che ha raggiunto la prima posizione nella classifica internazionale di Wikio.[4] Come scrittore, è autore del saggio Sulle strade di Barney (2010), un viaggio nel mondo dello scrittore Mordecai Richler autore de La versione di Barney.

Nell'ottobre 2012 Massimo Bordin nel corso della trasmissione Stampa e regime su Radio Radicale rivela di una «frequentazione» di Rocca con Nicolò Pollari e Pio Pompa in merito agli articoli sul caso Nigergate.[5] Su Il Foglio Giuliano Ferrara sostiene, invece, che le fonti di Rocca fossero «le relazioni ufficiali del Senato americano e delle varie commissioni di inchiesta del Regno Unito sui diversi scandali legati a quella vicenda», e che l'incontro con Pollari e Pompa fosse avvenuto solo successivamente alla pubblicazione degli articoli.[6] I quotidiani la Repubblica[7] e il Fatto Quotidiano,[8] citando lo stesso articolo di Ferrara, parlano invece di una campagna di disinformazione a favore del SISMI contro le inchieste condotte da Giuseppe D'Avanzo e Carlo Bonini sul Nigergate.

Dal settembre 2019 è direttore editoriale de Linkiesta.[9]

Sposato con la collega Silvia Grilli,[9] la coppia ha una figlia.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Esportare l'America. La rivoluzione democratica dei neoconservatori, I libri de Il Foglio, 2003.
  • Contro l'ONU. Il fallimento delle Nazioni Unite e la formidabile idea di un'alleanza tra le democrazie, Edizioni Lindau, 2005, ISBN 8871805437.
  • Cambiare regime. La sinistra e gli ultimi 45 dittatori, Einaudi, 2006, ISBN 8806182919.
  • Sulle strade di Barney, Bompiani, 2010.
  • Chiudete internet, Marsilio, 2019, ISBN 978-88-297-0025-7.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comunicazione di servizio, su camilloblog.it, 4 febbraio 2012. URL consultato il 28 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 29 luglio 2017).
  2. ^ Christian Rocca lascia la direzione di IL. Torna al Sole 24 Ore come inviato ed editorialista, su primaonline.it, 12 gennaio 2018.
  3. ^ L'algoritmo dell'Occidente, su camilloblog.it, 5 aprile 2018. URL consultato il 15 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2018).
  4. ^ Christian Rocca, su argomenti.ilsole24ore.com, 24 febbraio 2016.
  5. ^ Arianna Ciccone, Spie in redazione: lo scontro Repubblica-Il Foglio su Sismi, fonti e D'Avanzo, su valigiablu.it, 10 ottobre 2012.
  6. ^ Lite in famiglia al Foglio, su ilpost.it, 5 ottobre 2012.
  7. ^ Le miserie del Sismi, su repubblica.it, 6 ottobre 2012.
  8. ^ Pierfranco Pellizzetti, Spioni a mezzo stampa, su ilfattoquotidiano.it, 7 ottobre 2012.
  9. ^ a b Christian Rocca è il nuovo direttore del giornale on line Linkiesta, su ilpost.it, 23 settembre 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Melia e Gaetano Stellino (a cura di), Lo frutto, i 150 anni del Liceo Classico di Alcamo, Campo, Alcamo, 2012, p. 151

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7138870 · ISNI (EN0000 0000 5414 8036 · SBN IT\ICCU\LO1V\263371 · LCCN (ENno2006023598 · GND (DE1106284488 · BNF (FRcb16598718n (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2006023598