Christian Rocca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Christian Rocca

Christian Rocca (Alcamo, 23 gennaio 1968) è un giornalista, scrittore e blogger italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, ha mosso i primi passi nel mondo politico come appartenente al Partito Radicale di Marco Pannella ed Emma Bonino. È stato inoltre assistente parlamentare di Peppino Calderisi nel 1991.

Si è quindi dedicato al giornalismo: nella redazione de Il Foglio di Giuliano Ferrara sin dalla fondazione, è inviato per Il Sole 24 ORE e scrive su Vanity Fair occupandosi soprattutto di politica statunitense e internazionale. Fino al dicembre 2013 ha tenuto una rubrica di musica, Gommalacca, sul domenicale del Sole. Dal febbraio 2012[1] al gennaio 2018 è stato direttore de IL, mensile dello stesso quotidiano; poi per un bimestre ha ripreso il ruolo di inviato ed editorialista del Sole,[2] per approdare poi con i medesimi incarichi a La Stampa.[3]

Fin dal 2002 ha un blog giornalistico, Camilloblog.it, che ha raggiunto la prima posizione nella classifica internazionale di Wikio.[4] Come scrittore, è autore del saggio Sulle strade di Barney (2010), un viaggio nel mondo dello scrittore Mordecai Richler autore de La versione di Barney.

Dal settembre 2019 è direttore editoriale de Linkiesta.[5]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Sposato con la collega Silvia Grilli,[5] la coppia ha una figlia.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2012 Massimo Bordin nel corso della trasmissione Stampa e regime su Radio Radicale rivela di una «frequentazione» di Rocca con Nicolò Pollari e Pio Pompa in merito agli articoli sul caso Nigergate.[6] Su Il Foglio Giuliano Ferrara sostiene, invece, che le fonti di Rocca fossero «le relazioni ufficiali del Senato americano e delle varie commissioni di inchiesta del Regno Unito sui diversi scandali legati a quella vicenda», e che l'incontro con Pollari e Pompa fosse avvenuto solo successivamente alla pubblicazione degli articoli.[7] I quotidiani la Repubblica[8] e il Fatto Quotidiano,[9] citando lo stesso articolo di Ferrara, parlano invece di una campagna di disinformazione a favore del SISMI contro le inchieste condotte da Giuseppe D'Avanzo e Carlo Bonini sul Nigergate.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Esportare l'America. La rivoluzione democratica dei neoconservatori, I libri de Il Foglio, 2003.
  • Contro l'ONU. Il fallimento delle Nazioni Unite e la formidabile idea di un'alleanza tra le democrazie, Edizioni Lindau, 2005, ISBN 8871805437.
  • Cambiare regime. La sinistra e gli ultimi 45 dittatori, Einaudi, 2006, ISBN 8806182919.
  • Sulle strade di Barney, Bompiani, 2010.
  • Chiudete internet, Marsilio, 2019, ISBN 978-88-297-0025-7.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comunicazione di servizio, su camilloblog.it, 4 febbraio 2012. URL consultato il 28 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 29 luglio 2017).
  2. ^ Christian Rocca lascia la direzione di IL. Torna al Sole 24 Ore come inviato ed editorialista, su primaonline.it, 12 gennaio 2018.
  3. ^ L'algoritmo dell'Occidente, su camilloblog.it, 5 aprile 2018. URL consultato il 15 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2018).
  4. ^ Christian Rocca, su argomenti.ilsole24ore.com, 24 febbraio 2016.
  5. ^ a b Christian Rocca è il nuovo direttore del giornale on line Linkiesta, su ilpost.it, 23 settembre 2019.
  6. ^ Arianna Ciccone, Spie in redazione: lo scontro Repubblica-Il Foglio su Sismi, fonti e D'Avanzo, su valigiablu.it, 10 ottobre 2012.
  7. ^ Lite in famiglia al Foglio, su ilpost.it, 5 ottobre 2012.
  8. ^ Le miserie del Sismi, su repubblica.it, 6 ottobre 2012.
  9. ^ Pierfranco Pellizzetti, Spioni a mezzo stampa, su ilfattoquotidiano.it, 7 ottobre 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Melia e Gaetano Stellino (a cura di), Lo frutto, i 150 anni del Liceo Classico di Alcamo, Campo, Alcamo, 2012, p. 151

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7138870 · ISNI (EN0000 0000 5414 8036 · SBN IT\ICCU\LO1V\263371 · LCCN (ENno2006023598 · GND (DE1106284488 · BNF (FRcb16598718n (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2006023598