Christian Caliandro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Christian Caliandro (Mottola, 5 aprile 1979) è uno storico dell'arte italiano.[1][2]

È anche studioso di Cultural Studies nonché esperto di politiche culturali.[senza fonte]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si è laureato con lode a Pisa in Lettere Moderne con una tesi su Gabriella Drudi e presso la Scuola normale superiore di Pisa in Discipline Storico-artistiche con un tesi su Francesco Arcangeli; nel 2006 ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia dell’Arte Contemporanea presso l’Università di Siena.[2]

Insegna “Media e narrative urbane” presso l'Università IULM di Milano.[senza fonte] Nel 2013 pubblica Italia Revolution. Rinascere con la cultura[3] all'interno della collana Agone diretta da Antonio Scurati.[4] Sulla rivista di arte contemporanea Artribune cura le rubriche Inpratica e Cinema.[1] Collabora con alfabeta2,[5] Minima&moralia”, “doppiozero” e con il “Corriere del Mezzogiorno-Corriere della Sera”.[senza fonte]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Christian Caliandro, Artribune
  2. ^ a b Caliandro Christian, Accademia di Belle Arti di Foggia
  3. ^ a b Christian Caliandro, WorldCat
  4. ^ La collana “Agone” è curata da Antonio Scurati, Institutional Research Information System (IRIS), IULM
  5. ^ Christian Caliandro, alfabeta2

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]