Chris Ryan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Colin Armstrong
1961
Soprannome Chris Ryan
Nato a Rowlands Gill
Dati militari
Paese servito Regno Unito Regno Unito
Forza armata Flag of the British Army (1938-present).svg British Army
Unità SNN2227SAS-280 536049a.jpg Special Air Service
Anni di servizio 1978 - 1994
Grado Sergente
Guerre Operazione Banner
Guerra delle Falkland
Guerra del Golfo
Sierra Leone
Zaire
Decorazioni Military Medal
General Service Medal
Gulf Medal
voci di militari presenti su Wikipedia

Chris Ryan (Rowlands Gill, 1961) è un militare e scrittore britannico, pseudonimo di Colin Armstrong[1][2], ex-sergente dei SAS (i corpi speciali dell'esercito britannico). Noto per essere stato uno dei membri della pattuglia Bravo Two Zero durante la guerra del Golfo e per i suoi romanzi da cui è tratta la serie tv Strike Back.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

L'arruolamento nell'esercito[modifica | modifica wikitesto]

Colin Armstrong nasce nel 1961 a Rowlands Gill, nella contea di Tyne and Wear.

Frequentò la Hookergate School e, all'età di 16 anni, Ryan si arruola volontario nei SAS territoriali e, completata la selezione, riesce ad entrare nel 23º Reggimento SAS. Dopodiché nel 1987 ha affrontato la selezione per entrare nel 22º Reggimento SAS come paramedico. Prima di tornare con lo Squadrone B ha poi trascorso 8 settimane con il Reggimento Paracadutisti. Tornato con lo Squadrone B ha trascorso sette anni di operazioni segrete in alcune parti del globo.

Il 13 gennaio 1991 viene inviato in Arabia Saudita per partecipare alla guerra del Golfo.

Bravo Two Zero[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Bravo Two Zero.

Ryan fu anche uno degli otto membri della rinomata pattuglia "Bravo Two Zero", durante la prima guerra del Golfo nel 1991. Durante tale operazione di commando Chris Ryan è entrato nella storia della SAS per la "più lunga fuga ed evasione da parte di un soldato SAS o di chiunque altro" coprendo, da solo, più di 300 km in condizioni climatiche estreme (due delle tre perdite di B20 furono dovute all'ipotermia), senza cibo, braccato in territorio ostile.

Riuscì a sconfinare in Siria dall'Iraq, quindi si mise in contatto con l'ambasciata. In seguito, come McNab, fu accusato da altri membri del SAS di non aver detto tutta la verità su come sono andate veramente le cose in Iraq e soprattutto sulla morte dei tre membri che non sono tornati.

Un altro membro del commando, Andy McNab, scrive e pubblica un libro su questa avventura irachena, intitolato Pattuglia Bravo Two Zero, dove Ryan è uno dei protagonisti del libro.

Dopo la Guerra del Golfo, e dopo aver compiuto qualche altra missione di forze speciali, fu assegnato alla sezione addestrativa del SAS e promosso sergente. Si congedò nel 1994, dopo sedici anni di servizio.

Vita personale[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1987 è sposato con Jan, un capitano di un ospedale militare del Belize, di cinque anni più grande. La coppia ha avuto una figlia, Sarah, nata nel 1988. Dopo essersi congedato dall'esercito britannico si trasferisce negli Stati Uniti con la famiglia, dove lavora come guardia del corpo, scrittore di romanzi di spionaggio e consulente militare per serie televisive.

Carriera da scrittore[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1995 scrisse una sua autobiografia intitolata The One That Got Away, libro basato sulla sua fuga verso il confine siriano. Ha al suo attivo una lunga serie di romanzi ma in italiano è reperibile solo Operazione Cremlino del 2002 edito da Longanesi e Tea. Ha scritto, similmente ad Andy McNab, una serie di romanzi di spionaggio che hanno per protagonista il sergente Gerodie Sharp (un ex SAS) e altri dello stesso genere ambientati nel mondo militare e/o dello spionaggio internazionale.

Dai suoi romanzi è tratta la serie tv Strike Back[3].

Opere tradotte[modifica | modifica wikitesto]

  • Operazione Cremlino, 2000, Longanesi

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN16514431 · LCCN: (ENn97090017 · ISNI: (EN0000 0001 2021 5891 · GND: (DE129404349 · BNF: (FRcb155412579 (data)