Chris Andersen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chris Andersen
Chris "Birdman" Andersen 2009.jpg
Chris Andersen durante il periodo ai Denver Nuggets
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 208 cm
Peso 111 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Ala grande / centro
Ritirato 2017
Carriera
Giovanili
1998-1999Blinn College
Squadre di club
1999Jiangsu Dragons
1999-2000New Mexico Slam10
2000-2001Fargo-Moor. Beez6
2001Fayet. Patriots3 (14)
2001-2004Denver Nuggets154 (620)
2004-2006N.O. Hornets99 (674)
2008N.O. Hornets5 (6)
2008-2012Denver Nuggets224 (1.318)
2013-2016Miami Heat181 (1.017)
2016Memphis Grizzlies20 (92)
2016-2017Cleveland Cavaliers12 (28)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Christopher Claus "Chris" Andersen, soprannominato "Birdman" (Long Beach, 7 luglio 1978), è un ex cestista statunitense, professionista nella NBA.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La storia di Chris Andersen non può essere separata da quella della donna che l'ha cresciuto, sua madre Linda.

Linda Holubec nasce in Tennessee ed è figlia di Jake, falegname, e Kate, cameriera, entrambi biker, harleyisti e spiriti liberi.

Quando Jake partì per un viaggio in Vietnam, Linda decise di intraprendere la carriera nelle forze armate, sperando di diventare un'infermiera al fronte: ottenne quindi un lavoro alla base di Port Hueneme, a nord di Malibu, come cameriera al refettorio ed è proprio qui che si innamorò di Claus Andersen, un ufficiale e spirito libero come lei.

Tre mesi dopo si sposarono e nel 1982 si trasferirono con i loro tre figli April, Chris (che ai tempi aveva quattro anni) e Tamie a Iola, un paesino sperduto a 100 miglia a nord di Houston, nel Texas. Comprarono quindi un terreno grazie ad un prestito chiesto all'esercito, con il progetto di costruirsi una casa tutta loro e di allevare bestiame.

Tutto questo, però, non accadde: Claus si rese conto che la vita familiare non faceva per lui e così abbandonò Linda e andò a New York per vendere i suoi dipinti, la sua nuova passione. Linda – come rivelerà lei stessa in un'intervista - si rese conto che il trasferimento era stato messo in atto da Claus per scappare dalle severe leggi californiane sugli alimenti e sul mantenimento dei figli.

La donna, disoccupata e senza soldi, cadde in depressione ma fortunatamente ebbe il supporto dei vicini di casa e del fratello James. Fu proprio quest'ultimo che aiutò a finire di costruire la casa e mise un canestro fuori dal granaio per Chris. Finché la casa non fu pronta vissero accampati nel granaio. Quando Chris era alle scuole medie, Linda decise di mandare i suoi tre figli in una casa famiglia a Dallas, dove rimasero per quasi tre anni.

Tornato a Iola ,Chris, atleticamente parlando, iniziò a formarsi saltando i recinti del bestiame per poi iniziare a giocare a basket alle superiori e poi al Blinn College a Brenham, nel Texas.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Pre-NBA[modifica | modifica wikitesto]

Andersen, dopo aver frequentato la Iola High School e il Blinn College in Texas, pensava di poter giocare come professionista ma non si rese eleggibile per il Draftdel 1999, procedura essenziale per poter prenderne parte, e non venne scelto da nessuna squadra. il suo coach dell'High School riuscì comunque ad organizzare per lui delle amichevoli di esibizione con i Texas Ambassadors e una partita in Cina, grazie alla quale si unì ai Jiangsu Dragons della Chinese Basketball Association per un breve periodo.[1]

Nel marzo del 2000 ritorna in America e si accasa ai New Mexico Slam di Albuquerque, franchigia dell'IBL, dove disputa solo 6 partite di campionato e 4 dei playoff.[2] Successivamente, sempre nel 2000, si aggrega ai Dakota Wizards, sempre nella IBA, per lasciarli però prima dell'inizio della stagione. Si unì allora ai Fargo-Moorhead Beez, squadra del Dakota del Nord, che militava allora sempre nella IBA, dove giocò 7 partite prima di venire rilasciato nel gennaio del 2001.[3] Successivamente si unì, sempre nel 2001, ai Sugarland Sharks della Southwest Basketball League.

Nel luglio 2001 Andersen si è unito ai Cleveland Cavaliers per la NBA Summer League 2001. Il 28 settembre 2001 ha firmato coi Phoenix Suns, dai quali fu però tagliato il successivo 7 ottobre. Il 31 ottobre 2001 è stato selezionato con la prima scelta assoluta dai Fayetteville Patriots nel draft inaugurale della NBA Development League.[4][5]

Denver Nuggets[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver giocato solo 2 partite con Fayetteville, nel novembre 2001 viene ingaggiato dai Denver Nuggets, diventando il primo giocatore in assoluto a venire chiamato da una franchiga NBA direttamente dalla D-League. A Denver comincia a mostrare tutte le proprie doti atletiche, meritandosi il soprannome di Birdman, pare affibiatogli dai compagni di squadra Junior Harrington e Kenny Satterfield, e totalizzando 5,1 punti, 4,8 rimbalzi e 1,3 stoppate a partita.[6][2]

Il 29 settembre 2003 rifirma con i Nuggets.[7]

New Orleans Hornets[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004, dopo tre anni a Denver, passa ai New Orleans Hornets. La prima stagione si rivela la migliore, con 7,7 punti, 6,1 rimbalzi e 1,5 stoppate in 21,3 minuti di media e la partecipazione allo Slam Dunk contest di quell'anno.

Nel 2005 la franchigia di New Orleans fu costretta a spostarsi ad Oklahoma City a causa degli effetti dell'Uragano Katrina, diventando così i New Orleans/Oklahoma City Hornets. La stagione per Andersen non fu delle migliori: giocò infatti solo 32 partite, di cui 2 come titolare, mantenendo medie di 5 punti e 4.8 rimbalzi a partita. Partecipò ancora allo Slam Dunk Contest, senza però ottenere buoni risultati: provò otto volte la stessa schiacciata senza successo.

Squalifica e reintegro[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 gennaio 2006 viene trovato positivo al test per rilevare sostanze proibite e viene squalificato per due anni dalla NBA[8]. La sospensione di Andersen è stata inserita nella categoria "abuso di droga", violazione per la quale si può arrivare anche all'espulsione definitiva dalla lega. Andersen ha tentato di ricorrere tramite un arbitrato, ma questo ha dichiarato di sostenere le ragioni della lega nel marzo 2006.

È stato eleggibile per il reinserimento il 25 gennaio 2008. Il 4 marzo l'NBA e la NBPA hanno accolto la richiesta di Andersen di essere reintegrato come giocatore. Il 5 marzo 2008 torna nella NBA con la maglia dei New Orleans Hornets, squadra alla quale appartenevano i suoi diritti e con la quale firma immediatamente un nuovo contratto. Fa il suo debutto dopo la squalifica il 25 marzo 2008 contro gli Indiana Pacers.

Ritorno ai Nuggets[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine della stagione 2007-08 viene svincolato dagli Hornets. Il 24 luglio 2008 torna ai Denver Nuggets, con cui firma un contratto annuale. Chiude la stagione in seconda posizione per stoppate a partita, con 2,42 in solo 20,5 minuti. L'8 luglio 2009 Andersen rinnova con i Nuggets firmando un contratto quinquennale. Il 17 luglio 2012 viene tagliato dai Nuggets grazie alla amnesty clasue.[9]. Il general manager dei Nuggets Masai Ujiri, amico di Andersen, attuò con riluttanza quetsa manovra per risparmiare 9 million di dollari dal tetto slariale della squadra per evitare la luxury tax.[10]

Miami Heat[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 gennaio 2013 firma un contratto di 10 giorni con i Miami Heat.[11][12] Il 30 gennaio rinnova il contratto per altri 10 giorni.[13]. L'8 febbraio rinnova il contratto fino al termine della stagione[14].Già prima che fosse tagliato dai Nuggets l'allora allenatore degli Heat Erik Spoelstra aveva richiesto l'acquisizione del giocatore al suo general manager Pat Riley.[10] Durante la stagione regolare ha giocato solo 42 partite, ma ha contribuito al successo degli Heat con una media di 4,9 punti a partita e una percentuale realizzativa del 57,7%, oltre a 4,1 rimbalzi in 14,9 minuti di gioco. Dopo l'approdo di Andersen agli Heat la squadra vinse 27 partite consecutivamente ed ebbe un record comprensivo con 'Birdman' a referto di 37-3. Col suo arrivo agli Heat guadagnò anche moltissimi fan grazie al fatto di essere caratterizzato da moltissimi tatuaggi, una capigliatura moicana e una spiccata propensione al sacrificio sul parquet.[15][16][17]

Durante le finali della Eastern Conference, tra le gare 1 e 5 della serie contro gli Indiana Pacers, ha messo a referto 15 canestri in 15 tiri, inclusa una gara 1 da 7-7 al tiro, un record per la franchigia della Florida ai playoff: ha battuto la gara da 6-6 al tiro di Alonzo Mourning in gara 4 del primo turno del 2007 contro gli Charlotte Hornets. Andersen è stato poi squalificato per sei gare, senza però ricevere una multa, a causa di un fallo antisportivo ai danni di Tyler Hansbrough[18].

A 34 anni raggiunge le finali NBA per la prima volta nella sua carriera. Durante la decisiva gara 7 delle Finals contro i San Antonio Spurs mise a referto 3 punti, 4 rimbalzi e 1 stoppata e riuscì a conquistare l'anello di campione NBA per la prima volta nella sua carriera.

Il 10 luglio rinnova il contratto con i Miami Heat per un altro anno[19]. ha giocato 72 partite durante la stagione regolare del 2013–14, marcando 6.6 punti, 5.3 rimbalzi e 1.3 stoppate di media a partita. Il 26 maggio 2014, prima di gara 4 delle Eastern Conference Finals, èstato annunciato che avrebbe saltato qulla partita e la successiva gara 5 a causa di una serie di fastidiosi dolori di cui soffriva da un po' di tempo.[20] Andersen è ritornato per gara 6, mettendo a referto 9 punti and 10 rimbalzi e facendo in modo che gli Heat avanzassero alle loro quarte NBA Finals consecutive, le seconde per Andersen. Gli Heat si confrontarono ancora con gli Spurs nelle finali 2014 ma furono sconfitti in 5 partite.

Il 19 luglio 2014 Andersen rifirma ancora con gli Heat.[21] Durant ela stagione regolare 2014–15 Andersen partì come titolare in 20 partite, suo record personale in una stagione NBA.

Il 17 febbraio 2016 viene ceduto ai Memphis Grizzlies in una trade che coinvolge Miami Heat e Charlotte Hornets. Tre giorni dopo fa il suo debutto per i Grizzlies in una vittoria per 109–104 sui Minnesota Timberwolves, mettendo a referto 4 putni, 3 rimbalzi e 1 stoppata in 11 minuti.[22] Alla fine della stagione i Grizzlies non rinnovarono il suo contratto.

Cleveland Cavaliers[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 luglio 2016 firmò con i Cleveland Cavaliers, ricongiungendosi con LeBron James e James Jones, suoi compagni ai Miami Heat fino al 2014.[23] Tuttavia il 17 dicembre 2016 subì un grave infortunio al legamento crociate anteriore che pose fine anzitempo alla sua stagione.[24]

Quindi, il 13 febbraio 2017 venne ceduto agli Charlotte Hornets in cambio di una seconda scelta,[25] venendo subito tagliato dalla squadra della Carolina del Nord.[26][27]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Massimo di punti: 18 (3 volte)
  • Massimo di rimbalzi: 18 (2 volte)
  • Massimo di assist: 4 (4 volte)
  • Massimo di palle rubate: 4 vs Los Angeles Lakers (15 aprile 2003)
  • Massimo di stoppate: 8 vs Utah Jazz(2 aprile 2009)

Regular season[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campion. Partite Statistiche tiro Altre statistiche
Pres. Titol. Minuti Tiri da 2 Tiri da 3 Liberi Rimb. Assist Rubate Stopp. Punti
2001-2002 Stati Uniti Denver Nuggets NBA 24 1 262 25/74 0/4 22/28 76 7 7 28 72
2002-2003 Stati Uniti Denver Nuggets NBA 59 3 907 114/285 0/1 77/140 274 32 30 60 305
2003-2004 Stati Uniti Denver Nuggets NBA 71 0 1029 90/203 0/1 63/107 298 35 34 114 243
2004-2005 Stati Uniti Denver Nuggets NBA 67 2 1430 191/358 0/3 131/190 410 71 14 100 513
2005-2006 Stati Uniti New Orleans/Oklahoma City Hornets NBA 32 2 570 56/98 0/0 49/103 155 6 8 41 161
2007-2008 Stati Uniti New Orleans Hornets NBA 5 0 34 2/7 0/0 2/4 9 0 0 4 6
2008-2009 Stati Uniti Denver Nuggets NBA 71 1 1460 160/292 2/10 130/181 442 31 41 175 452
2009-2010 Stati Uniti Denver Nuggets NBA 76 0 1695 142/251 0/3 164/236 483 33 42 143 448
2010-2011 Stati Uniti Denver Nuggets NBA 45 0 732 82/137 0/1 86/135 219 20 23 58 250
2011-2012 Stati Uniti Denver Nuggets NBA 32 1 486 59/108 0/0 50/82 148 6 19 46 168
2012-2013 Stati Uniti Miami Heat NBA 42 0 624 71/123 2/3 63/93 172 17 16 44 207
2013-2014 Stati Uniti Miami Heat NBA 72 0 1396 177/275 3/12 120/169 379 19 32 97 477
2014-2015 Stati Uniti Miami Heat NBA 60 20 1132 120/207 4/13 76/114 299 43 26 61 320
2015-2016 Stati Uniti Miami Heat NBA 7 1 36 4/10 2/5 3/4 9 3 1 3 13
2015-2016 Stati Uniti Memphis Grizzlies NBA 20 14 366 34/62 2/9 22/32 89 9 14 10 92
2016-2017 Stati Uniti Cleveland Cavaliers NBA 12 0 114 9/22 0/3 10/14 31 5 5 7 28
Totale carriera 695 45 12273 1336/2512
53,2%
15/68
22,1%
1068/1632
65,4%
3493 337 312 991 3755
Nota: per la NBA, la WNBA e la NCAA, la colonna "Tiri da 2" comprende la somma dei tiri dal campo (tiri da 2 + tiri da 3).

Play-off[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campion. Partite Statistiche tiro Altre statistiche
Pres. Titol. Minuti Tiri da 2 Tiri da 3 Liberi Rimb. Assist Rubate Stopp. Punti
2004 Stati Uniti Denver Nuggets NBA 5 0 34 3/9 0/0 0/0 14 2 1 2 6
2009 Stati Uniti Denver Nuggets NBA 15 0 328 34/54 0/1 29/44 95 9 5 32 97
2010 Stati Uniti Denver Nuggets NBA 6 0 116 9/17 0/0 9/14 27 1 1 6 27
2011 Stati Uniti Denver Nuggets NBA 5 0 73 7/11 0/0 10/14 14 3 3 7 24
2013 Stati Uniti Miami Heat NBA 20 0 303 46/57 0/0 36/49 76 3 9 22 128
2014 Stati Uniti Miami Heat NBA 18 0 317 33/57 0/1 26/38 107 5 5 18 92
2016 Stati Uniti Memphis Grizzlies NBA 4 2 79 5/12 0/0 5/8 31 3 2 3 15
Totale carriera 73 2 1250 137/217
63,1%
0/2
0,00%
115/167
68,9%
364 26 26 90 389
Nota: per la NBA, la WNBA e la NCAA, la colonna "Tiri da 2" comprende la somma dei tiri dal campo (tiri da 2 + tiri da 3).

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Miami Heat: 2013

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chris Palmer, Birdman's redemption bittersweet for his mother, in ESPN the Magazine, 12 maggio 2008. URL consultato il 10 giugno 2013.
  2. ^ a b NBA.com: Chris Andersen Bio Page, in NBA.com. URL consultato il 10 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2013).
  3. ^ Ben Leibowitz, A Timeline of Chris 'Birdman! Birdman!' Andersen's Bizarre NBA Career, Bleacher Report, 31 maggio 2013. URL consultato il 10 giugno 2013.
  4. ^ National Basketball Development League Announces Inaugural Draft Results, in NBA.com, NBDL Enterprises, LLC, 1º novembre 2001. URL consultato il 4 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2011).
  5. ^ Chris Andersen D-League Statistics, in Basketball-Reference.com. URL consultato il 4 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 23 aprile 2015).
  6. ^ NBDL: First NBDL Player "Called Up" to NBA, NBA.com, 21 novembre 2001. URL consultato il 10 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 24 novembre 2013).
  7. ^ Chris Andersen #11 – C/F, in TSN.ca. URL consultato il 10 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2014).
  8. ^ espn.go.com
  9. ^ Nuggets waive F/C Chris Andersen under amnesty provision, NBA.com, 17 luglio 2012. URL consultato il 3 agosto 2012.
  10. ^ a b Howard Beck, Miami's High-Flying, Low-Key Role Player, in NYTimes.com, 24 maggio 2013. URL consultato il 24 maggio 2013.
  11. ^ HEAT Sign Chris Andersen, su nba.com.
  12. ^ Chris 'Birdman' Andersen signs with Heat, su nba.com. URL consultato il 3 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2013).
  13. ^ HEAT Signs Chris Andersen, su nba.com.
  14. ^ HEAT Signs Chris Andersen, su nba.com.
  15. ^ Adam H. Beasley, Chris 'Birdman' Andersen helps Miami Heat reach mountaintop, in MiamiHerald.com, 21 giugno 2013. URL consultato il 21 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2014).
  16. ^ Kelly Dwyer, Chris 'Birdman' Andersen celebrates exactly how you'd expect him to, in Yahoo.com, 21 giugno 2013. URL consultato il 21 giugno 2013.
  17. ^ Couper Moorhead, Chris Andersen and The Rim Run Diary, in NBA.com, 25 marzo 2013. URL consultato il 25 marzo 2013.
  18. ^ HEAT’S BIRDMAN GROUNDED FOR GAME 6, su NBA.com. URL consultato il 31 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 7 giugno 2013).
  19. ^ HEAT Re-Signs Chris Andersen, su NBA.com. URL consultato il 7 ottobre 2013.
  20. ^ Andersen inactive, Lewis starts Game 4 for Heat, in NBA.com, 26 maggio 2014. URL consultato il 26 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2014).
  21. ^ HEAT Signs Chris Andersen, in NBA.com, 19 luglio 2014. URL consultato il 19 luglio 2014.
  22. ^ Conley has 25 points to lead Grizzlies past T'wolves 109-104, in NBA.com, Turner Sports Interactive, Inc., 19 febbraio 2016. URL consultato il 20 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2016).
  23. ^ (EN) Cavs officially sign Chris 'Birdman' Andersen, in cleveland.com. URL consultato il 13 febbraio 2017.
  24. ^ A. B. C. News, Cavaliers lose Chris Andersen for season with torn ACL, su ABC News, 16 dicembre 2016. URL consultato il 13 febbraio 2017.
  25. ^ (EN) Cavaliers trade Chris 'Bird Man' Andersen to Charlotte for 2nd-round pick, in cleveland.com. URL consultato il 13 febbraio 2017.
  26. ^ Charlotte taglia Chris Andersen e firma col secondo contratto decadale Mike Tobey, in Sportando. URL consultato il 13 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 14 febbraio 2017).
  27. ^ Hornets to immediately waive Chris Andersen, in Cleveland Cavaliers. URL consultato il 13 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 22 aprile 2017).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]