Chinotto Neri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chinotto Neri
Logo
StatoItalia Italia
Fondazione1949
Fondata daPietro Neri
Sede principaleCapranica
SettoreAlimentare
Prodottichinotto
Slogan«Se bevi NERI...NE RI bevi»
Sito webwww.chin8neri.it

La Neri, poi diventata Chinotto Neri, è una storica azienda italiana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda fu fondata nel 1949 da Pietro Neri, imprenditore trentenne che decise di produrre e lanciare una bevanda dissetante che somigliasse per colore alle bibite statunitensi che giungevano nel dopoguerra in Italia, ma con un sapore originale. Rinominata da un giovane romano come "la coca cola del fascista", visto che era usanza comune durante il regime, italianizzare i prodotti esteri con nomi nostrani ed essendo il chinotto una specie di coca cola italiana, la credenza popolare prese piede. In realtà questa diceria è assai sbagliata, in quanto il Chinotto Neri fu commercializzato nel 1949, 5 anni dopo la fine della guerra. Molto usata come digestivo dato che negli anni 50 il pane, data la povertà del paese nel primo dopoguerra, veniva impastato con grano poco digeribile e di scarsa qualità, l'unica bevanda in grado di far digerire era il chinotto.[senza fonte]

Questa bevanda, distribuita in una bottiglia di vetro con il marchio in rilievo ma senza etichetta, era il chinotto (marchio aziendale: Chin8), derivato dalla pianta di chinotto e storicamente legato alla china cinese. Nella ricetta brevettata, all'agrume dal gusto amaro-acido del chinotto, prodotto industrialmente in provincia di Savona, in Liguria, e dalle parti di Taormina, in provincia di Messina, si affiancano altre essenze ed estratti vegetali.

L'impianto di produzione fu insediato nella cittadina di Capranica, nella Tuscia viterbese, per sfruttare, come base della bibita, l'acqua minerale sorgiva di San Rocco, che tuttora sgorga a 300 m s.l.m. ed è attingibile dalla fonte che si trova nella vallata capranichese che prende il nome dall'omonima chiesetta rurale dedicata al Santo, nei pressi della quale fu insediato lo stabilimento ”Mineralneri”.

Secondo alcune fonti, il chinotto Neri è stato la prima e la più celebre bevanda a base di agrume chinotto commercializzata in Italia.[senza fonte]

Il successo dell'azienda fece sì che venissero lanciati altri tre prodotti: l'Aranciosa, la Gassosa e il Limoncedro, presenti insieme al Chin8 nel contenitore televisivo Carosello. Alla pubblicità su Carosello si affiancava la pubblicità dinamica: grandi automobili americane percorrevano le città italiane sovrastate da gigantesche riproduzioni 3D delle bottiglie di Chin8.

Con il diffondersi sul mercato di altre bibite che di analogo hanno solo il colore, la celebrità e la popolarità del chinotto di Capranica sono andate progressivamente riducendosi[quando?]. Ciò nonostante, Eataly l'ha inserito tra le sue proposte quale prodotto di eccellenza.[senza fonte]

Nel 2000 l'azienda con sede a Capranica venne rilevata dalla Chinotto Neri s.r.l., la quale ha rilanciato lo storico marchio del chinotto. Dopo una decina d'anni dalla riorganizzazione aziendale, il 31 dicembre 2011 lo stabilimento produttivo di Capranica è stato chiuso a causa dei costi eccessivi di mantenimento (l'UE aveva imposto alla azienda una ristrutturazione che avrebbe pesantemente gravato sulle casse societarie) e la produzione è stata trasferita a Buccino, in provincia di Salerno. Di conseguenza, non viene più usata l'acqua delle sorgenti storiche del comune di Capranica per produrre la bevanda.

Slogan[modifica | modifica wikitesto]

Gli slogan ideati dall'azienda nel corso degli anni cinquanta, sessanta e settanta, ebbero molto successo. Sono infatti basati sulle allitterazioni, e hanno generato così un efficace effetto mnemonico[1]. Tra i più celebri:

  • Non è chinotto se non c'e l'8
  • Se bevi NERI...NE RI bevi
  • Sapore raro, dissetante dolce e amaro

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda legò il suo nome alla Società Sportiva Chinotto Neri, società calcistica romana, attiva nel corso degli anni cinquanta. Fondata nel 1950, si sciolse nel 1957. Era presieduta dal fondatore dell'azienda Pietro Neri, i suoi colori erano il giallo e il verde. L’allenatore era Walter Crociani ed il preparatore atletico era Giuseppe Cuccotti. La squadra giocava e si allenava al Motovelodromo Appio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Geppi De Liso, Creatività & pubblicità, FrancoAngeli, 2002, p. 177, 9788846438935.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende