Chinook (vento)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il vento di chinook è un vento di foehn, quindi caldo e secco, osservabile nell'entroterra del "West" dell'America del Nord, dove le praterie canadesi e le grandi pianure statunitensi terminano e iniziano le Montagne Rocciose. Questo vento prende nome dal territorio degli indiani Chinook (il basso corso del fiume Columbia), che si trova, per coloro che lo "battezzarono", nella direzione da cui il vento proviene. Lo stesso termine è infatti utilizzato per indicare, su parte della costa della British Columbia e nell'area del Puget Sound, un vento caldo e umido da sudovest, che in realtà è quello stesso vento che si ritrova poi, "asciugato" dal suo contenuto di umidità attraversando i vari crinali montuosi, più a oriente.

Il chinook è un autentico vento mangia-neve, capace com'è di far sparire in una giornata oltre 30 cm di neve. La neve in parte fonde, in parte evapora a causa dell'aria molto secca. Inoltre, fiumi e laghi ghiacciati possono veder ridurre lo spessore del ghiaccio di 2,5 cm in un'ora. Quando il chinook è particolarmente caldo e intenso, la neve scompare con rapidità quasi incredibile. Il 25 febbraio 1986 a Lethbridge un manto nevoso di 107 cm sparì in sole 8 ore, sotto l'impeto di un chinook che raggiunse i 166 km/h nelle raffiche.

Il chinook, in inverno, fa crescere la temperatura non di rado da -20 °C a +10°/+20 °C in poche ore. Quando l'episodio di chinook termina, in genere le temperature precipitano altrettanto rapidamente ai valori precedenti l'insorgere del vento.

Meteorologia Portale Meteorologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Meteorologia