Chimica organica fisica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La chimica organica fisica è quella branca della chimica che si interessa dei rapporti tra struttura e reattività dei composti organici.[1] Può essere considerata lo studio della chimica organica usando strumenti e concetti propri della chimica fisica, quali equilibrio chimico, cinetica chimica, termochimica e chimica quantistica. Il termine chimica organica fisica è comunemente attribuito[2] a Louis Hammett, che lo usò nel titolo di un libro nel 1940.[3]

I due principali temi della chimica organica fisica sono struttura e reattività:

Struttura e reattività sono coinvolte anche nello studio degli intermedi di reazione, cioè delle specie che compaiono nei meccanismi di reazione. Tra i tipi più interessanti di intermedi vi sono carbocationi, carbanioni, radicali liberi e carbeni. In genere questi intermedi non vengono isolati, ma la loro presenza è dedotta da evidenze stereochimiche, o con metodi spettroscopici, o anche con trappole chimiche. In alcuni casi si riesce ad isolare queste specie chimiche usando temperature molto basse (criochimica) o tramite isolamento in matrice. Si possono anche creare particolari derivati che sono stabilizzati sfruttando caratteristiche chimiche come la risonanza, come nel caso del radicale trifenilmetile.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ E. V. Anslyn, D. A. Dougherty, Modern Physical Organic Chemistry, University Science, 2005, ISBN 1-891389-31-9.
  2. ^ G. K. Roberts; C. A. Russell (a cura di), Chemical History: Reviews of the Recent Literature, Royal Society of Chemistry, 2005, ISBN 978-0-85404-464-1.
  3. ^ L. P. Hammett, Physical Organic Chemistry, New York, McGraw Hill, 1940.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia