Chilling effect

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In gergo legale anglosassone, il chilling effect è la riluttanza e la refrattarietà ad esercitare un proprio diritto per paura di sanzioni legali.[1] Il diritto che più frequentemente viene associato all'azione inibitoria del chilling effect è quello di libera espressione. A generare l'effetto può essere l'approvazione di una legge, la sentenza di un tribunale o la minaccia di querele. Una querela sporta al solo scopo di produrre un chilling effect viene chiamata SLAPP (acronimo di Strategic Lawsuit Against Public Participation).

La locuzione chilling effect viene usata anche al di fuori del contesto legale per indicare, più in generale, un fenomeno che genera un'azione deterrente verso un dato comportamento. Ad esempio di questa definizione più ampia possono essere portati la minore brutalità della polizia statunitense in alcune città a causa, secondo il direttore dell'FBI, del timore di essere ripresi e diventare i protagonisti involontari di video virali oppure la titubanza nel denunciare i comportamenti aggressivi del proprio compagno per paura di ulteriori ripercussioni.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1644 John Milton descrisse il chilling effect della censura nell'Areopagitica:

For to distrust the judgement and the honesty of one who hath but a common repute in learning and never yet offended, as not to count him fit to print his mind without a tutor or examiner, lest he should drop a schism or something of corruption, is the greatest displeasure and indignity to a free and knowing spirit that can be put upon him.[3]

Il termine chilling effect è in uso negli Stati Uniti a partire dal 1950.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ chilling effect. (n.d.
  2. ^ Communication Monographs, Volume 60, Issue 3, 1993
    Denise H. Clovena & Michael E. Roloffb pages 199-219
    "THE CHILLING EFFECT OF AGGRESSIVE POTENTIAL ON THE EXPRESSION OF COMPLAINTS IN INTIMATE RELATIONSHIPS"
    Abstract, by DH Cloven - 1993 -Published online: 02 Jun 2009 - (Cited by 99)
    "A two‐part survey of 160 college students involved in dating relationships.
  3. ^ John Milton (1644) Areopagitica, edited by George H. Sabine (1951), page 29, Appleton-Century-Crofts
  4. ^ Paul A. Freund, 4 Vanderbilt Law Review 533, at 539 (1950–1951): The Supreme Court and Civil Liberties, su heinonline.org.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]