Chiesa di Santa Maria in Monticelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santa Maria in Monticelli
Santa Maria in Monticelli (Rome) - interior.jpg
Interno
Stato Italia Italia
Regione Lazio
Località Roma
Religione Cattolica
Titolare Maria
Diocesi Diocesi di Roma
Inizio costruzione 1716

Coordinate: 41°53′35.16″N 12°28′26.67″E / 41.893099°N 12.474076°E41.893099; 12.474076

La chiesa di Santa Maria in Monticelli è una chiesa di Roma, del rione Regola, situata nella via omonima.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa, che prende la sua denominazione da una collinetta o piccolo rialzamento del suolo su cui venne edificata a motivo delle piene del Tevere, fu restaurata o ricostruita all'inizio del XII secolo e riconsacrata da Innocenzo II nel 1143, come ricorda una lapide al suo interno. Essa era conosciuta anche col nome di Sancta Maria in Monticellis Arenulae de Urbe, come si evince da una bolla di Urbano IV del 1264.

Di questa chiesa medievale, con coro cosmatesco e colonne, non rimane più niente, eccetto il campanile, in origine più alto, ma ridotto alle dimensioni attuali all'inizio del XVII secolo per motivi di stabilità. La chiesa infatti fu completamente ricostruita nel 1716 da Matteo Sassi, per volere di Clemente XI, e nel 1860 ad opera di Francesco Azzurri.

Oggi la chiesa è sede della curia generalizia dei Padri dottrinari.

Alcune fonti[senza fonte] fanno menzione della chi quale luogo di sepoltura di santa Ninfa e del vescovo di Palermo san Mamiliano.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Al suo interno, la chiesa si presenta a forma basilicale con tre navate e tre cappelle per lato. Tra le diverse opere conservate, sono da ricordare:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Roma]]