Coordinate: 43°46′41.81″N 11°05′43.33″E

Chiesa di Santa Maria in Castello (Signa)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chiesa di Santa Maria in Castello
StatoBandiera dell'Italia Italia
RegioneToscana
LocalitàSigna
Coordinate43°46′41.81″N 11°05′43.33″E
Religionecattolica
Titolaresanta Maria
Arcidiocesi Firenze

La chiesa di Santa Maria in Castello si trova a Signa, in provincia di Firenze, arcidiocesi della medesima città.

Storia e descrizione

[modifica | modifica wikitesto]

La prima notizia a noi conosciuta è datata 978, quando fu donata dalla contessa Willa, madre del marchese Ugo di Toscana, alla badia Fiorentina[1].
Gaetano Giannini, priore di Signa, ipotizzò che già nel 746 il complesso architettonico fosse governato da un rettore proveniente dalla nobile famiglia Contarini di Venezia[1].

I rifacimenti ottocenteschi hanno profondamente modificato sia la facciata che l'assetto interno.

Nel Duecento le pareti erano fasciate da una serie di affreschi che narravano Storie della Vergine e di Cristo. Ne rimangono alcuni brani nella parete sinistra e il riquadro con la Crocifissione nell'abside.

Nella navata sono tele sei-settecentesche, tra le quali l'Adorazione dei magi di Sigismondo Coccapani (1617).

In fondo alla parete destra è un altro frammento di affresco con la Santa Caterina d'Alessandria che il Maestro di Signa aveva originariamente affrescato sopra l'adiacente Crocifissione.

Nella parete di fondo a destra del presbiterio è collocata la piccola Madonna dell'Umiltà della bottega di Lorenzo Monaco, probabile opera della giovinezza di Francesco d'Antonio ancora nell'orbita del maestro Lorenzo, del 1410 - 1415 circa.[2]

  1. ^ a b Andrea Baldinotti e Roberta Barsanti, Signa Itinerario Storico Artistico, Signa, Masso delle Fate, 1996. URL consultato il 17 marzo 2019 (archiviato il 17 marzo 2019). Ospitato su Comune di Signa.
  2. ^ Silvia de Luca, Francesco d'Antonio, Madonna dell'Umiltà, in Empoli 1424. Masolino e gli albori del Rinascimento, catalogo di mostra a cura di Silvia de Luca, Andrea de Marchi, Francesco Suppa, Firenze 2024, pagg. 142 - 143.

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]