Chiesa di Santa Maria della Neve al Colosseo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Santa Maria della Neve al Colosseo
Roma S Maria della Neve GS IMG 2691c.jpg
La facciata
StatoItalia Italia
RegioneLazio
LocalitàRoma
Coordinate41°53′33.32″N 12°29′24.58″E / 41.892588°N 12.490162°E41.892588; 12.490162
Religionecattolica di rito romano
TitolareMadonna della Neve
Diocesi Roma
ArchitettoFrancesco Fontana
Stile architettonicobarocco
Inizio costruzioneXVII secolo
Completamento1607

La chiesa di Santa Maria della neve (ad nives) è una chiesa di Roma, nel rione Monti, in via del Colosseo, all'incrocio con via del Cardello.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È oscura l'origine di questa chiesa. Secondo l'Armellini (op. cit. p. 142) la chiesa è menzionata già nel XII secolo, fu chiesa parrocchiale e poi divenne semplice beneficio ecclesiastico di proprietà del cardinale di San Pietro in Vincoli. Altrettanto oscuro è il nome: la chiesa è conosciuta sia col nome di Sant'Andrea de Tabernula che con quello di Sant'Andrea de Portugallo.

Sull'origine della chiesa e del nome l'Armellini scrive:

«L’origine della oscura denominazione della chiesa si vuol dedurre ragionevolmente da quella ricordata dal Varrone ad busta gallica. Ai tempi d’Innocenzo III ancora quel luogo si chiamava in Gallicis: nel medioevo si appellava eziandio de arcu aureo (arco de' pantani) denominazione estesa alle rovine del foro d' Augusto e di Domiziano: ebbe congiunto un monastero, e la troviamo fra quelle che riceveano nel secolo XII il beneficio semplice del presbiterio.»

(Armellini, op. cit., p. 142)

Nel 1607 l'edificio fu concesso all'Università dei Rigattieri, i quali lo riedificarono a loro spese. Incerto è l'architetto che riedificò la chiesa in stile barocco: forse fu Francesco Fontana . Dopo la Rivoluzione francese la chiesa fu affidata alla confraternita di Santa Maria della Neve: è in quest'epoca che la chiesa cambia nome ed assume quello attuale.

L'interno si presenta a navata unica, con tre altari e pitture del XVII secolo: sull'altare di destra il Battesimo di Gesù; sull'altare maggiore, l'Assunzione; su quello di sinistra, San Francesco e Santa Chiara.

Oggi la chiesa è un luogo sussidiario di culto della parrocchia di Santa Maria ai Monti, ed è luogo di preghiera dalla Comunità di Sant'Egidio.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]