Chiesa di Santa Maria della Colonna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa di Santa Maria della Colonna
Le chiese di Napoli (19373042180).jpg
Facciata, in degrado, come appariva prima del restauro
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Campania-Stemma.svg Campania
LocalitàCoA Città di Napoli.svg Napoli
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareMaria
Arcidiocesi Napoli
Stile architettonicobarocco
Inizio costruzione1580

Coordinate: 40°51′04.95″N 14°15′31.32″E / 40.851374°N 14.2587°E40.851374; 14.2587

La chiesa di Santa Maria della Colonna è una chiesa barocca del centro storico di Napoli; è posta davanti alla chiesa dei Girolamini, da cui prende il nome la piazzetta.

La chiesa[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio di culto sorse nel 1580 su iniziativa del religioso Marcello Fossataro che acquistò le abitazioni per realizzare il complesso religioso; questo venne destinato, su idea dello stesso padre Fossataro, ai fanciulli abbandonati e successivamente venne dedicato a conservatorio che prese il nome di Conservatorio dei Poveri di Gesù Cristo dove si formò il grande Giovan Battista Pergolesi.[1] L'edificio venne restaurato nel XVIII secolo, ma la caratteristica facciata risale al 1715, grazie all'intervento di Antonio Guidetti. Nel 1896 venne realizzato un ulteriore restauro.

La facciata è inserita tra due corpi laterali ad uso civile che precedentemente erano parte integrante della struttura conventuale. La ripartizione dei volumi e della superficie è ottenuta mediante l'impiego di lesene corinzie addossate ai pilastri inclinati che inquadrano la parte centrale, con il portale in piperno sormontato da una decorazione in stucco e da una lapide marmorea; al primo ordine, ai lati della facciata, sono presenti due statue ancora in stucco, mentre al livello superiore si apre una grande finestra circondata da notevoli decorazioni, anch'esse in stucco.

L'interno, a pianta rettangolare con croce greca e cupola, presenta un apparato ornamentale realizzato dallo stuccatore Costantino D'Adamo ed un coro con decorazioni dell'intagliatore Domenico Bertone; inoltre qui sono conservate tele di Paolo De Matteis.

Dopo decenni di abbandono, la chiesa è stata restaurata con i fondi del progetto Unesco per il centro storico di Napoli dalla ditta De Feo Restauri di Roma una delle più apprezzate imprese di restauro di beni culturali (lavori terminati nel febbraio 2018)

Il chiostro[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Chiostro di Santa Maria della Colonna.

Notevole è pure il piccolo chiostro monumentale che si apre alle spalle del tempio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enzo Amato, La Musica del Sole, Napoli, Controcorrente, 2012, pp. 320, ISBN 9788889015957.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vincenzo Regina, Le chiese di Napoli. Viaggio indimenticabile attraverso la storia artistica, architettonica, letteraria, civile e spirituale della Napoli sacra, Newton e Compton editore, Napoli 2004.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]