Chiesa di Santa Maria dell'Itria (Trapani)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di Santa Maria dell'Itria
Trapani-AP-p1070842.jpg
Facciata della chiesa
StatoItalia Italia
RegioneSicilia Sicilia
LocalitàTrapani-Stemma.png Trapani
ReligioneCattolica
TitolareMadonna Odigitria
Diocesi Trapani
Stile architettonicobarocco
Inizio costruzione1621
Completamento1745

La chiesa di Santa Maria dell'Itria è una chiesa di Trapani, sita in via Garibaldi.

Questa chiesa è comunemente chiamata Santa Rita perché vi si venerano la santa di Cascia e le reliquie del venerabile Fra Santo di San Domenico.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Notevole esempio di barocco siciliano, fu fatta costruire insieme al convento dagli agostiniani scalzi che nel 1621, ottennero, dalla Confraternita di Santa Maria dell'Itria, la chiesa già esistente.[2][3] Durante la pestilenza che colpì Trapani nel 1624 rimasero contagiati e persero la vita 17 dei 18 frati del convento.[4]

Esterno[modifica | modifica wikitesto]

La facciata del 1745 è di Pietro Castro. Ospitava nelle nicchie inquadrate da colonne corinzie poste nei due ordini della facciata, quattro statue che raffiguravano i primi quattro frati canonizzati dell'Ordine agostiniano, attribuite allo scultore trapanese Cristoforo Milanti: Sant'Agostino d'Ippona, San Tommaso da Villanova, San Nicola da Tolentino e San Giovanni da Sahagun. I manufatti furono abbattuti nel corso dei lavori di restauro del prospetto eseguiti nel 1827.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

All'interno della chiesa si trovano opere di Andrea Tipa (XVIII secolo), un crocifisso di Pietro Orlando (XVII secolo), una tela di sant'Agostino di Pietro Novelli (XVII secolo), il quadro di San Nicolò da Tolentino di Andrea Carreca (XVII secolo) e quadri di Giuseppe Felice (XVII secolo).[5]

Convento[modifica | modifica wikitesto]

Il convento annesso alla chiesa, dopo il 1861 è stato confiscato dallo Stato. Dal 1923 è sede del Liceo scientifico Vincenzo Fardella.[7]

Confraternita di Santa Maria dell'Itria[modifica | modifica wikitesto]

Sodalizio attestato presso il luogo di culto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.diocesi.trapani.it/content/view/1880/379/
  2. ^ Chiesa e Convento di Santa Maria dell'Otria, su comune.trapani.it. URL consultato il 9 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).
  3. ^ Pagina 227, Giuseppe Maria di Ferro, "Guida per gli stranieri in Trapani: con un saggio storico di Giuseppe Maria di Ferro". [1] Archiviato il 28 settembre 2015 in Internet Archive.
  4. ^ Ignazio Barbagallo, Agostiniani scalzi, DIP, vol. I (1974), coll. 411-412
  5. ^ http://www.turismo.trapani.it/it/1512/chiesa-e-convento-di-santa-maria-dell-itria.html
  6. ^ Pagina 124, Giuseppe Maria Di Ferro, "Biografia degli Uomini Illustri Trapanesi" [2], Trapani, Mannone e Solina, 1830, Volume II°.
  7. ^ Archiviato il 29 luglio 2017 in Internet Archive. Storia - [Liceo Scientifico Statale “V. Fardella”]]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mario Serraino, "La chiesa di Santa Maria dell'Itria e i PP. Agostiniani Scalzi di Trapani", Trapani, 1983.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]