Chiesa di Santa Maria Assunta (Cerreto Laziale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di Santa Maria Assunta
StatoItalia Italia
RegioneLazio
LocalitàCerreto Laziale
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareMadonna Assunta
Diocesi Tivoli
Stile architettonicobarocco
Interno verso la controfacciata con l'organo a canne

La chiesa di Santa Maria Assunta è la parrocchiale di Cerreto Laziale, in città metropolitana di Roma Capitale e diocesi di Tivoli; fa parte della quinta vicaria[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa fu costruita intorno al XII-XIII secolo nelle vicinanze della vecchia Porta del Castello o "Porta di Santa Maria", ora non più esistente. La chiesa risale al XII-XIII secolo ma non si conosce la data certa della costruzione, anche se è noto che nel 1372 questa chiesa sostituì la più antica chiesa di San Nicolò, divenendo la chiesa principale di Cerreto.

Negli anni 1859-1860 furono fatti rilevanti lavori per rinforzare e quasi ricostruire la Chiesa e fu realizzata la volta a botte, invece del precedente tavolato. Nel 1870, cominciarono i lavori per rifare l'attuale campanile.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa, affiancata dalla torre campanaria che ospita un concerto di tre bronzi, presenta una pianta a tre navate, delle quali la centrale terminante con un'abside semicircolare; quest'ultima è rivestita in marmi policromi, presenta nel catino un dipinto a grisaille del Padre Eterno ed ospita l'altare maggiore sormontato da un tabernacolo ligneo del XVII secolo e dalla pala dell'Assunzione di Maria. Nella chiesa vi sono anche altri due altari, rispettivamente quello della Madonna delle Grazie (ricostruito nel 1990 e legato all'omonima confraternita, l'effigie della cui titolare è attribuita a Sebastiano Conca ed è esposta ai fedeli solo in determinate occasioni) e quello della Vergine Addolorata (che attualmente ospita nell'ancona la statua di San Sebastiano Martire). L'edificio inoltre ospita un crocifisso del XV secolo.

Vi sono poi, quattro cappelline: del Santissimo Rosario (con pala della Madonna di Pompei attorniata dalla raffigurazione dei 15 misteri del rosario), dei Santi Anna e Gioacchino, dei Santi Antonio di Padova e Agnese, e delle Sante Agata e Maria Goretti (con statua dell'Addolorata).

Sulle colonne che dividono le navate sono sistemate le 14 stazioni della Via Crucis che risalgono al 1862. La cantoria in controfacciata è occupata dall'organo a canne Mascioni opus 919, risalente al 1970, dotato di 12 registri su due manuali e pedale.[2]

Attualmente la chiesa all'esterno presenta una facciata abbellita con due paraste che terminano sotto un cornicione, al di sopra del quale è posto il timpano leggermente aggettante. L'interno, debolmente rischiarato dalla luce delle finestre che sovrastano il cornicione, una volta scandita da lesene, con ovoli e volute inquadranti le cappelle, ora ricoperti da intonaco bianco (dopo i lavori eseguiti, completati nel 2006, in seguito ai danni riportati nel terremoto del 2000).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cerreto Laziale - S. Maria Assunta, su diocesitivoli.it. URL consultato il 23 febbraio 2021.
  2. ^ Elenco nuovi, su mascioni-organs.com. URL consultato il 23 febbraio 2021..

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]