Chiesa di Sant'Uldarico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di Sant'Uldarico
Sant'Uldarico - Parma.jpg
Facciata
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna Emilia-Romagna
LocalitàCoat of arms of Parma.svg Parma
Religionecristiana cattolica di rito romano
Titolaresant'Uldarico
Diocesi Parma
Consacrazione1411
ArchitettoGaetano Ghidetti
Stile architettonicobarocco
Inizio costruzioneXIV secolo
Completamento1902

Coordinate: 44°47′48.73″N 10°19′38.85″E / 44.796869°N 10.327458°E44.796869; 10.327458

La chiesa di Sant'Uldarico è situata in strada Farini a Parma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa di Sant'Uldarico venne eretta sul sito di un antico teatro romano, i cui resti sono stati rinvenuti tra il 1843 e il 1845. È menzionata per la prima volta in alcuni documenti del 1005-1015, in cui si ricorda anche la comunità di religiose benedettine dell'annesso monastero.

Dal 1363 è chiesa parrocchiale e venne consacrata il 12 maggio 1411.

La chiesa venne ricostruita nel 1762 circa da Gaetano Ghidetti, autore anche della facciata, e nel 1902 la parete di fondo venne abbattuta e venne aggiunta un'abside.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio è a navata unica, con volta a botte e con tre cappelle per lato.

Gli affreschi della cupola, nei pennacchi e al centro della volta sono di Antonio Bresciani.

La chiesa conserva anche dipinti di Lionello Spada, Clemente Ruta, Giovanni Battista Borghesi, Girolamo Donini e Giovanni Tebaldi.

Gli stalli del coro delle monache vennero commissionati nel 1505 dalla badessa Cabrina Carissimi all'intagliatore Gian Giacomo Baruffi.

Nella cantoria a destra dell'altare è presente un organo costruito nel XVIII sec. da Giuseppe Negri Poncini. Ad oggi, tale strumento risulta non funzionante.

Dell'antico monastero, soppresso nel 1810, si conserva il chiostro rinascimentale, con decorazioni a terracotte.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Felice da Mareto, Chiese e conventi di Parma, Deputazione di storia patria per le province parmensi, Parma 1978, pp. 265–266.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]