Chiesa di San Vincenzo de' Paoli (Roma)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa di Santa Maria Immacolata e San Vincenzo De Paoli[1][2][3][4][5]
San Vincenzo de' Paoli (Rome).jpg
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
LocalitàRoma-Stemma.pngRoma
ReligioneChiesa cattolica di rito romano[6]
TitolareSan Vincenzo de' Paoli, Santa Maria Immacolata
OrdineMissionari di San Vincenzo de Paoli[6][7]
Diocesi Roma
Consacrazione1950
FondatoreMissionari di San Vincenzo de Paoli
ArchitettoFrancesco Fornari[1][2][3]
Inizio costruzione1949[1]
Completamento1950[1][2][3][4][8]
DemolizioneSito ufficiale

Coordinate: 41°54′05.82″N 12°35′25″E / 41.901617°N 12.590277°E41.901617; 12.590277

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 maggio 1912 venne istituita a Roma, nella zona di Tor Sapienza, la Chiesa di Santa Maria Immacolata alla Cervelletta, consacrata dal cardinale vicario Pietro Respighi su autorizzazione concessa da papa Pio X due giorni prima, il 24 maggio.[4][8]

La zona d'influenza di questa parrocchia era abbastanza ampia, tanto da coprire un'area di quasi 50 chilometri quadri e toccare diversi quartieri come Ponte Mammolo, Tor Cervara, Tor Sapienza ed altri.[4][8]

Di origine contadina nei primi anni, con il passare del tempo la popolazione divenne sempre più operaia[3] e aumentò a dismisura, tutto questo grazie ai numerosi stabilimenti industriali che caratterizzarono quella parte di Roma in quegli anni.[4][8]

Ma i Missionari di San Vincenzo de Paoli, che gestirono la chiesa, avevano previsto questi cambiamenti, e di conseguenza fecero costruire a Tor Sapienza una chiesa dedicata al loro fondatore, San Vincenzo de' Paoli, terminata nel 1950.[2][4][8]

Così, le funzioni religiose della stessa parrocchia vennero celebrate in due chiese distinte, questo fino al 1968, quando i Missionari si stabilirono esclusivamente nella nuova realtà di Tor Sapienza[3], consacrandola con il nome di Chiesa di Santa Maria Immacolata e San Vincenzo De Paoli.[4][8]

Il 7 marzo 1982 la chiesa fu visitata da papa Giovanni Paolo II.[3]

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Il campanile della chiesa

La chiesa è a navata unica con due cappelle laterali[2], un arco trionfale precede la zona absidale.[1]

La facciata è composta da quattro lesene con campi centrali di mattoni a vista[1][2], mentre l'unica entrata è rialzata da alcuni gradini. Alla sommità della facciata vi è un timpano abbellito dal cartiglio papale.[2]

Il tetto è a falde, ed è sorretto da capriate lignee.[1]

Il campanile traforato in stile moderno completa l'architettura della chiesa.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Le Chiese moderne di Roma, beweb.chiesacattolica.it. URL consultato il 14 giugno 2017.
  2. ^ a b c d e f g h Santa Maria Immacolata e San Vincenzo de' Paoli, books.google.it. URL consultato il 15 giugno 2017.
  3. ^ a b c d e f CHIESA DI SANTA MARIA IMMACOLATA E SAN VINCENZO DE PAOLI (PDF), vediromainbici.it. URL consultato il 15 giugno 2017.
  4. ^ a b c d e f g "S.Maria Immacolata e S.Vincenzo de' Paoli", cmroma.it. URL consultato il 15 giugno 2017.
  5. ^ Chiesa di Santa Maria Immacolata e San Vincenzo De Paoli, chieseitaliane.chiesacattolica.it. URL consultato il 15 giugno 2017.
  6. ^ a b (EN) Chiesa di S. Vincenzo de’ Paoli, gcatholic.org. URL consultato il 14 giugno 2017.
  7. ^ PARROCCHIA SANTA MARIA IMMACOLATA E SAN VINCENZO DE’ PAOLI, vicariatusurbis.org. URL consultato il 14 giugno 2017.
  8. ^ a b c d e f La storia della parrocchia, torsapienza.com. URL consultato il 15 giugno 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]