Chiesa di San Sebastiano (Tatti)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di San Sebastiano
Chiesa di San Sebastiano a Tatti.jpg
La chiesa di San Sebastiano a Tatti
StatoItalia Italia
RegioneToscana
LocalitàMassa Marittima
Coordinate43°01′19.45″N 11°01′35.54″E / 43.022069°N 11.026539°E43.022069; 11.026539
Religionecattolica di rito romano
TitolareSan Sebastiano
Diocesi Massa Marittima-Piombino

La chiesa di San Sebastiano è un edificio sacro situato a Tatti, nel comune di Massa Marittima, in provincia di Grosseto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Situata lungo via Gramsci, un tempo via Maestra che seguiva il perimetro delle mura difensive,[1] la chiesa è ricordata come pieve in una bolla di papa Clemente III inviata a Gualfredo vescovo di Grosseto nel 1188.[1]

Nel 1676 la si ritrova citata con il titolo di San Sebastiano.[1] La chiesa, che fu tenuta dalla Confraternita della Misericordia, subì un radicale intervento di ristrutturazione tra il XVIII e il XIX secolo che le conferì l'attuale aspetto.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Esterno[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa presenta una facciata a vento risalente al XVIII secolo, intonacata, con un portale sormontato da una finestra a lunetta e campaniletto a vela.[1] Il lato posteriore è alzato di cinque metri rispetto al piano stradale, mentre ai lati l'edificio è delimito a sinistra da un vicolo e a destra da altri edifici.[1]

Interno[modifica | modifica wikitesto]

L'interno è a una sola navata con presbiterio rialzato.[1] Il coro è decorato a tempera con motivi a metope e triglifi di ispirazione classica.[1] La chiesa si presenta spoglia e scarsamente decorata. L'unico elemento artistico di rilievo è una statua lignea raffigurante San Sebastiano, di scuola senese del XVI secolo:[1][2] la scultura è stata restaurata nel 1997 da Maria Rosa Cavari presso il laboratorio della Pinacoteca di Siena.[2]

All'interno della chiesa si segnalano inoltre la presenza di un fonte battesimale e di una piccola acquasantiera in marmo e ferro battuto,[2] e quattro lapidi in marmo del XIX secolo con epigrafi a ricordo di alcuni abitanti del paese: riportano la memoria di Beatrice Ventavoli (1850), Niccola Ventavoli (1851), Giuseppe Lotti (1858) e Maria Tonini Pagliuchi (1871).[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i Bruno Santi, Guida storico-artistica alla Maremma. Itinerari culturali nella provincia di Grosseto, Siena, Nuova Immagine Editrice, 2007, pp. 51–52.
  2. ^ a b c d Comitato parrocchiale di Tatti, La chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta e le chiese minori, Tatti, 2000, pp. 48–52.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alberto Ciattini, Tatti. Una piccola storia, Grosseto, Poligrafica Grosseto, 1976.
  • Comitato parrocchiale di Tatti, La chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta e le chiese minori, Tatti, 2000.
  • Bruno Santi, Guida storico-artistica alla Maremma. Itinerari culturali nella provincia di Grosseto, Siena, Nuova Immagine Editrice, 2007.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]