Chiesa di San Rocco (Celat)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di San Rocco
StatoItalia Italia
RegioneVeneto
LocalitàVallada Agordina
ReligioneCattolica
TitolareRocco di Montpellier
Diocesi Belluno-Feltre
Sito webParrocchia di Vallada

La chiesa di San Rocco a Celat di Vallada Agordina fu edificata a partire dall'11 settembre 1564 da un gruppo di famiglie del luogo come voto contro la peste. In quegli anni l'epidemia dilagava e nel solo villaggio di Celat furono oltre 30 le vittime.

Il tempio dedicato a Maria Vergine San Rocco fu intitolato anche a San Sebastiano, protettori invocati contro la peste e fu consacrato dal vescovo-conte di Belluno Giovanni Battista Valier il 6 giugno 1576. Dell'antica costruzione, di dimensioni assai modeste, rimane il coro, in quella che è l'attuale sagrestia. Interamente affrescato, ricorda lo splendore originale della piccola chiesetta.

Affrescata da Lorenzo Pauliti il 6 ottobre 1565, presenta alle pareti, tra un alternarsi di figure di santi, le scene della Crocifissione e della Natività. La volta a crociera è invece abbelita dalle immagini dei quattro Evangelisti con i loro abituali simboli.

Nel 1685 fu dato inizio ai lavori di ampliamento che terminarono nel 1688, e che portarono la chiesa all'aspetto attuale. L'interno è abbellito da tre altari legnei dorati, esempio dei maestri intagliatori locali del Settecento, diverse tele e altri arredi sacri di grande pregio.

Negli anni ottanta la chiesa, come molte altre nella zona, subì un spregevole furto che la spogliò, tra fregi angeli e statue, di ben 32 sculture probabilmente destinate al contrabbando.

Negli anni novanta la chiesa ha subito un discusso restauro, e infine è stata risistemata da un gruppo di volontari del posto coadiuvati dal parroco.

La chiesa è visitabile per tutto il periodo estivo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Loris Serafini, Flavio Vizzutti, Le chiese dell'antica pieve di San Giovanni Battista nella valle del Biois, a cura delle parrocchie di Canale d'Agordo, Vallada Agordina, Caviola e Falcade, 2007