Chiesa di San Pietro (Petrognano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Pietro a Petrognano
Pietropetrognano.jpg
Esterno
StatoItalia Italia
RegioneToscana Toscana
LocalitàPetrognano, comune di Barberino Val d'Elsa
ReligioneCattolica
TitolarePietro apostolo
Arcidiocesi Firenze
Stile architettonicoromanico
CompletamentoGià esistente agli inizi del XIII secolo

Coordinate: 43°32′04.7″N 11°08′19.95″E / 43.534639°N 11.138875°E43.534639; 11.138875

La chiesa di San Pietro a Petrognano si trova nei pressi dell'abitato di Petrognano, frazione del comune di Barberino Val d'Elsa, in provincia di Firenze, diocesi della medesima città.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio era già esistente agli inizi del XIII secolo.

Nel corso del XVI secolo venne annesso alla pieve di San Giovanni Battista in Jerusalem, poco distante: questo comportò una decadenza prima cultuale e in seguito architettonica, tale da rendere necessari interventi di restauro effettuati in epoche anche recenti.

A pianta regolare, priva di abside, questo edificio è realizzato prevalentemente con pietre non ben squadrate, né allineate, tra le quali sono inseriti molti mattoni.

La facciata presenta un campanile a vela in posizione asimmetrica.

Opere già in loco[modifica | modifica wikitesto]

  • In questo edificio un tempo si trovava il cosiddetto Cristo di Petrognano o di San Donnino, opera simbolo del Museo di arte sacra di Certaldo: attualmente datato 1240 - 1245, per le sue grandi dimensioni (m 2,20 x 2,05) nessuna delle due chiesa dove è ricordato (oltre a San Pietro a Petrognano, anche San Giovanni Battista in Jerusalem - da qui la denominazione anche di Cristo di San Donnino) è da considerarsi la sua collocazione originaria che a oggi resta avvolta nel mistero.
  • Da questa chiesa originariamente proveniva un polittico con Madonna col Bambino e santi di Puccio di Simone, databile al sesto decennio del XIV secolo (forse 1357), oggi conservato al Museo di arte sacra di Certaldo; prima di passare alla collezione permanente del Museo, l'opera era già stata ricoverata nella pieve di San Giovanni Battista in Jerusalem a San Donnino.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Itinerari Culturali in Valdelsa. itinerario XII: Edifici di culto di non facile identificazione in "Valdelsa viva", anno XI n. 4 - dicembre 2007, p. 9

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]