Chiesa di San Paolo (Sorrento)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di San Paolo
Chiesa di San Paolo (Sorrento) 1.JPG
Facciata
StatoItalia Italia
RegioneCampania
LocalitàSorrento
ReligioneCattolica
Arcidiocesi Sorrento-Castellammare di Stabia
Stile architettonicobarocco
Inizio costruzioneIX secolo

Coordinate: 40°37′35.88″N 14°22′18.22″E / 40.626634°N 14.371729°E40.626634; 14.371729

La chiesa di San Paolo è una chiesa monumentale situata nel centro storico di Sorrento: ad essa annessa è anche l'omonimo convento delle monache benedettine, trasformato poi in un istituto scolastico[1].

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa, come testimoniato da alcuni documenti, esisteva già prima dell'872[2]; saccheggiata dai turchi nel 1558[3], ha subito nel corso dei secolo numerosi rifacimenti che ne hanno alterato l'aspetto originario: in particolar modo i lavori di restauro del XVIII secolo[2], precisamente quelli partiti dopo il terremoto del 1731, hanno conferito alla struttura un aspetto tipicamente barocco[3].

L'interno

La facciata è stata rifatta nel 1725 anche se è rimasta incompleta nella parte superiore: questa è caratterizzata dall'uso della colonna murale, tipico stile architettonico utilizzato da Michelangelo Buonarroti[3]; la parte inferiore è realizzata in tufo, decorato in ordine dorico, con il portale d'ingresso incassato tra due colonne, mentre la parte superiore è semplicemente tinteggiata, con al centro una finestra circolare[4]. Internamente la chiesa è a croce latina[2], a navata unica con volta a botte, decorata da lunette e stucchi[3], oltre a diversi palchi e coretti, in legno, da cui un tempo le monache assistevano alle celebrazioni sacre[2]; lungo la navata si aprono due cappelle su ogni lato, entrambe adornate con marmi policromi intarsiati[4]: in una cappella di destra una porta conduce all'ex monastero, mentre in una cappella di sinistra, un altro ingresso conduce alla sagrestia. Sull'altare maggiore, oltre ad una mensa in marmi policromi, è presenta una tela raffigurante la Conversione di san Paolo[5], con ai lati le statue di santa Scolastica e san Benedetto[2]: al lati del presbiterio la cappella sul lato destro ospita una tela del 1729 che rappresenta San Benedetto e santa Scolastica che mostrano la sacra regola a Placido e Mauro, mentre nella cappella sul lato sinistro è un'altra tela con la raffigurazione dell'Assunzione della Madonna in cielo, datata 1736[2]. Caratteristica è l'intera pavimentazione della chiesa, discretamente conservata, in maiolica su cotto[4], decorata con disegni di animali, fiori e foglie[2]: le maioliche sono inoltre anche utilizzate per rivestire esternamente la cupola[2]; è dotata di un piccolo campanile[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Breve storia [collegamento interrotto], su campania.localidautore.it. URL consultato il 29-09-2013.
  2. ^ a b c d e f g h Chiesa di San Paolo, su fondazionesorrento.com. URL consultato il 29-09-2013.
  3. ^ a b c d e Sorrento - Chiesa e monastero di San Paolo, su sorrentoholiday.info. URL consultato il 29-09-2013.
  4. ^ a b c Storia e descrizione della chiesa di San Paolo [collegamento interrotto], su sit.provincia.napoli.it. URL consultato il 29-09-2013.
  5. ^ Cenni sulla chiesa, su italiavirtualtour.it. URL consultato il 29-09-2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pasquale Ferraiuolo, Chiese e monasteri di Sorrento, Sorrento, Venerabile Congregazione dei Servi di Maria, 1974. ISBN non esistente

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]