Chiesa di San Nicola da Tolentino (Roma)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Nicola da Tolentino
Trevi - S. Nicola da Tolentino.JPG
Esterno
Stato Italia Italia
Regione Lazio
Località Roma
Religione Chiesa cattolica di rito armeno
Diocesi Roma
Stile architettonico barocco
Inizio costruzione 1599
Completamento 1670

Coordinate: 41°54′18.79″N 12°29′29.33″E / 41.90522°N 12.49148°E41.90522; 12.49148

La chiesa di San Nicola da Tolentino è una chiesa di Roma, nel rione Trevi, nella salita omonima.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa fu eretta dagli Agostiniani Scalzi nel 1599, ma fu subito riedificata nel 1654 a spese dei principi Pamphilj su disegni del Baratta, mentre la facciata fu realizzata da Francesco Buzio nel 1670.

L'altare maggiore, così come gli altri altari della chiesa, è opera di Alessandro Algardi ed è, secondo l'Armellini (op. cit. p. 271), “un capolavoro di stravaganze secentistiche”; sopra l'altare, in una nicchia, vi è un gruppo di statue raffiguranti la Visione di San Nicola da Tolentino con la Vergine, S. Agostino e S. Monica. La cappella Gavotti è opera di Pietro da Cortona, con statue di Antonio Raggi ed Ercole Ferrata. Nella prima cappella a sinistra è riprodotto il Santo Sepolcro di Gerusalemme.

La seconda cappella di destra ospita il monumento funebre del cardinale Aghagianian.

Nell'annesso convento, dopo gli Agostiniani scalzi, vi dimorarono le monache dette battistine; oggi vi risiede il Pontificio Collegio Armeno, nel cui rito è officiata la chiesa.

Addossata al collegio, sulla piazza a sinistra della chiesa, si erge un khachkar che commemora il genocidio del popolo armeno. Un'altra analoga stele, ma più antica, si trova nel chiostro interno del collegio.

Una targa marmorea è stata apposta nel 2006 dal Comune di Roma a ricordo delle vittime del Metz Yeghern.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]