Chiesa di San Michele a Pozzoveggiani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di San Michele
Padova - Chiesa San Michele Pozzoveggiani - Affreschi abside.jpg
StatoItalia Italia
RegioneVeneto
LocalitàPadova
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
Diocesi Padova
Stile architettonicoromanico

Coordinate: 45°21′09.63″N 11°53′59.13″E / 45.352675°N 11.899757°E45.352675; 11.899757

La chiesa di San Michele Arcangelo è un edificio religioso di origine medievale situato a Pozzoveggiani, località compresa nella frazione Salboro di Padova (a circa 5 km dal centro storico, lungo il vecchio tracciato della via Annia).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Affreschi dell'abside.

Una prima chiesa venne edificata tra il VI-VII secolo era una semplice cella sue dimensioni ridotte e di forma cubica ed aveva un anomalo orientamento con la facciata rivolta ad est e l'abside ad ovest. La chiesa fu innalzata nel XII secolo con impianto basilicale a tre navate e tre absidi semicircolari e facciata a forma di capanna.

La chiesa è degna di nota per due cicli di affreschi, resti della cella primitiva e dell'abside antico: il primo gruppo è datato X-XI secolo e raffigura gli apostoli posti tra gli archi di un colonnato; le figure presentano i caratteri tipici del periodo carolingio-ottoniano. Il secondo gruppo si trova nell'abside, dove vi è un Cristo Pantocratore affiancato dai simboli degli Evangelisti (tetramorfo) e teoria di santi ed apostoli, un pellicano che nutre i suoi piccoli[1]; questo gruppo risale al XII-XIII secolo. Dietro l'altare sono affrescati dei cavalieri armati, un pavone cacciato da una figura metà uomo e metà uccello, una civetta, simbolo raramente rappresentato all'interno delle chiese, in quanto rimanda al paganesimo e al culto della dea Atena, dea della saggezza (un esempio è presente nella chiesa di Notre Dame a Digione).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il pellicano è un simbolo cristologico direttamente legato al sacrificio, alla carità, alla pietà . (Dizionari dell'arte, La natura e i suoi simboli, ed. Electa, 2011, pag. 307).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]