Chiesa di San Martino Urbano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa di San Martino Urbano
SanMartinoUrbanoInterno.jpg
L'interno
Stato Italia Italia
Regione Veneto Veneto
Località Treviso-Stemma.pngTreviso
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Titolare Martino di Tours
Diocesi Diocesi di Treviso
Consacrazione 1970 (ultima consacrazione)
Architetto Angelo Tramontini (ultima ricostruzione)
Inizio costruzione 1960 (ultima ricostruzione)
Completamento 1970
Sito web [1]

Coordinate: 45°39′45.46″N 12°14′39.94″E / 45.662629°N 12.244428°E45.662629; 12.244428

Mappa di localizzazione: Treviso
San Martino Urbano
San Martino Urbano
Posizione della chiesa nel centro storico di Treviso.

La chiesa di San Martino Urbano è un edificio religioso del centro storico di Treviso. Distrutta durante il bombardamento del 1944, fu ricostruita in forme moderne, ma ha origini antichissime.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini della chiesa si perdono nella leggenda. La tradizione afferma che San Martino fosse la prima cappella cittadina di Treviso, fatta erigere da Felice, primo vescovo storicamente attestato (metà del VI secolo). Ricerche più recenti la fanno però più tarda (VIII secolo; la prima citazione è del 790), successiva alla fondazione del monastero di San Teonisto di Casier da cui dipendeva[1]. A sua volta, quest'ultimo era legato all'abbazia veronese di San Zeno.

Tuttavia, con la decadenza del convento, fu San Martino ad assumere un ruolo di preminenza, pur rimanendo sottoposta a San Zeno: nel 1221 essa controllava le chiese di San Teonisto di Casier, San Lorenzo di Rovarè, San Giacomo di Visnadello, San Vito di Postioma e San Bartolomeo di Merlengo[2].

Nel 1321 la chiesa passò dai benedettini zeniani ai giovanniti[3].

L'edificio[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa originaria aveva mantenuto in molte parti l'originale aspetto romanico, privo di influenze veneziane[1].

L'attuale chiesa fu realizzata dall'architetto Angelo Tramontini, iniziata nel 1960 e consacrata il 5 dicembre 1970 dal vescovo Antonio Mistrorigo[4]. Lo stile è quello dell'epoca, con forme plastiche grazie all'uso del cemento armato e scevro da ogni richiamo allo stile antico, che potrebbe risultare artificioso. Tuttavia la struttura è ricca di simbolismo. I due pilastri che reggono la copertura senza l'ausilio delle pareti, si innalzano in alto verso la cupola e in avanti verso l'abside, trasmettendo l'idea di ascesa verso Dio. Attorno sono disposte le pareti, fra loro sfalsate, che sono quattordici come le stazioni della Via Crucis. Nel complesso, gli interni danno l'impressione di trovarsi sotto un grande albero, con un richiamo alla parabola del granello di senape[1].

Delle opere qui conservate, si ricordano l'affresco absidale di Paolo Rivetta, raffigurante la Chiesa militante e trionfante dal sacrificio alla gloria; la pala della Nostra Signora del Sacro Cuore di Gesù di A. Della Coletta (1964); la pala dei Santi Giovanni Bosco e Domenico Savio di Rizzotto (1966); la pittura su tavola con San Martino di Semenzato (1998). Vanno ricordate poi le opere recuperate dalla chiesa antica: due statue dei santi Zeno e Antonio di Padova, un dipinto del XV secolo, un crocefisso del XVIII secolo, un capitello bizantino e un affresco raffigurante San Martino[1].

Tra le poche parti dell'antica chiesa sopravvissute, spicca fra tutte il campanile. A pianta quadrilatera, con uno stile a metà tra il romanico lombardo e il bizantino esarcale, fu costruito tra la fine dell'XI e l'inizio del XII secolo[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Chiesa di San Martino Urbano dal sito del Parco Naturale del Fiume Sile
  2. ^ Ivano Sartor, Treviso lungo il Sile. Vicende civili ed ecclesiastiche in San Martino, Treviso, Vianello Libri, 1989, p. 311.
  3. ^ Gianpaolo Cagnin, Templari e Giovanniti in territorio trevigiano (secoli XII – XIV), Treviso, Tipografia Tintoretto, 1992, pp. 35-36.
  4. ^ Camillo Pavan, I paesi e la città in riva al Sile. Un secolo di storia del fiume in 142 cartoline, Treviso, 1991, p. 60.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]