Chiesa di San Lorenzo Martire (Selva di Cadore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di San Lorenzo
Selva di Cadore - panoramio.jpg
StatoItalia Italia
RegioneVeneto
LocalitàSelva di Cadore
IndirizzoPiazza S. Lorenzo, 40, 32020 Selva di Cadore BL
Coordinate46°27′05.1″N 12°02′03.07″E / 46.451417°N 12.034185°E46.451417; 12.034185
Religionecattolica di rito romano
TitolareSan Lorenzo
Diocesi Belluno-Feltre
CompletamentoXIX secolo

La chiesa di San Lorenzo Martire, o più semplicemente chiesa di San Lorenzo, è la parrocchiale di Selva di Cadore, in provincia di Belluno e diocesi di Belluno-Feltre; fa parte della convergenza foraniale 4.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La primitiva chiesa di Selva, fondata forse nel XII secolo e filiale della pieve di San Vito, risultava già esistente nel 1234[1][2], allorché fu menzionata in un lascito[3].

L'edificio venne interessato da un importante restauro nel 1316 e consacrato il 6 ottobre 1438, anche se, alcuni anni dopo, fu profanato da un delitto di sangue e pertanto dovette venir riconsacrato il 19 ottobre 1447[3]; in quel periodo venne condotto un ampliamento[4].

Nel 1626 la chiesa risultava essere dotata di tre altari, ovvero quello maggiore e quelli laterali dedicati rispettivamente a san Sisto e alla Vergine dei Battuti; nel 1647 si provvide al restauro del campanile[4].

Nel 1811 la struttura venne dotata della sagrestia; il lavoro, approvato dalla curia arcivescovile di Udine e appaltato a Simeone Zambelli per 990 lire, fu condotto dalla ditta cencenighese Manfroi. Successivamente, nel 1825 si procedette alla realizzazione delle due cappelle laterali di sant'Antonio e della Beata Vergine del Carmine[4].

Alcuni lustri dopo, tra il 1850 e il 1852 la chiesa venne interessata, su progetto di Osvaldo Palatini, da un rifacimento, in occasione del quale la navata fu ampliata e si edificarono le cappelle di San Sisto e della Scuola dei Battuti; nel 1857 la comunità selvana venne eretta a parrocchia autonoma[4].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Esterno[modifica | modifica wikitesto]

La facciata a capanna della chiesa, che volge ad occidente, presenta ai lati due lesene e al centro il portale d'ingresso, sormontato da una lunetta a sesto acuto, e il rosone.

Annesso alla parrocchiale è il campanile a base quadrata, costruito agli inizi del XX secolo; la cella presenta una monofora a tutto sesto per ogni lato ed è coronata dalla guglia che si imposta su quattro timpani nei quali sono alloggiati i quadranti dell'orologio.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

All'interno dell'edificio sono conservate diverse opere di pregio, tra le quali le due tele ritraenti la Madonna e Confratelli della Fraglia dei Battuti e Sant'Antonio da Padova tra i Santi Nicola da Bari e Domenico, eseguite da Francesco Frigimelica[4], l'organo, costruito nel 1790 dallo Zavarise[1], e le tavole raffiguranti scene del martirio di San Lorenzo e la Madonna col Bambino in trono tra i Santi Lorenzo, Sebastiano, Rocco e Fosca, realizzate da Antonio Rosso[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Parrocchia di San Lorenzo diacono e martire, su arcidiaconatodelcadore.it. URL consultato l'11 luglio 2021.
  2. ^ Chiesa di San Lorenzo di Selva di Cadore, su paesionline.it. URL consultato l'11 luglio 2021.
  3. ^ a b Il paese: Selva di Cadore, su listolade.it. URL consultato l'11 luglio 2021.
  4. ^ a b c d e f LA CHIESA DI SAN LORENZO A SELVA DI CADORE, su radiopiu.net. URL consultato l'11 luglio 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]