Chiesa di San Leopoldo (Steinhof)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa di San Leopoldo
Kirche zum heiligen Leopold
Kirche am Steinhof 2008g.JPG
Esterno
StatoAustria Austria
LandFlag of Vienna.svg Vienna
LocalitàWien 3 Wappen.svg Vienna
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareSanti Leopoldo e Severino
Arcidiocesi Vienna
ArchitettoOtto Wagner
Stile architettonicoStile Liberty,[1] Secessionista
Inizio costruzione1904
Completamento1907

Coordinate: 48°12′38″N 16°16′44″E / 48.210556°N 16.278889°E48.210556; 16.278889

La chiesa di San Leopoldo, in tedesco Kirche zum heiligen Leopold, o anche detta Kirche am Steinhof, Chiesa di Steinhof sorge nel sobborgo di Steinhof, alle pendici del Galitzinberges, all'estrema periferia ovest di Vienna. Rappresenta un capolavoro dell'architettura Secessionista.

Storia e architettura[modifica | modifica wikitesto]

Veduta dell'interno.
Il baldacchino.

Il progetto originale è del celebre architetto Otto Wagner,[1] che la concepì come una moderna casa del signore, diversa da tutte le chiese costruite fino a quel momento e in sintonia con lo stile della Secessione viennese. Edificata tra il 1904 e il 1907,[1] la chiesa sorge all'interno di un ospedale psichiatrico e si trova nel punto più alto della zona, visibile da quasi ogni punto del distretto. Per enfatizzarne l'aspetto, Wagner concepì una cupola in rame[1] sproporzionata in grandezza, e dorata.

La facciata è ricoperta con lastre di marmo di 2 cm di spessore, integrati con "chiodi di rame" nella muratura. Il marmo proviene dalle cave di Carrara. Le torri ai lati dell'ingresso principale sono sormontate da due statue in rame con i due santi patroni della Bassa Austria: san Leopoldo e san Severino.

L'interno, a pianta centrale, vede la fusione dei bisogni funzionali come cappella di ospedale (pulizia, igiene e separazione dei degenti dal celebrante) e la decorazione visiva. Prezioso è l'arredo interno, incentrato nel presbiterio dal fastoso baldacchino dorato bizantineggiante opera del 1906-07 di Remigius Geyling, e chiuso dal grande mosaico di fondo raffigurante la Promessa dei Cieli, realizzato su cartoni di Koloman Moser[1] del 1905. Le preziose vetrate si devono allo stesso Moser, che le realizza nel 1906-07. Vennero rimosse durante la seconda guerra mondiale e conservate in Cecoslovacchia, da dove vennero riportate nel 1950.

A causa dei danni subiti nel corso del conflitto, la chiesa è stata restaurata due volte: nel 1961-1964 e tra il 2000-2006.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Chiesa am Steinhof, su wien.info. URL consultato il 29 gennaio 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Otto Antonia Graf: Otto Wagner. Ed. Böhlau, Vienna, 1994, ISBN 3-205-98224-X, S. 400–420
  • (DE) Elisabeth Koller-Glück: Otto Wagners Kirche am Steinhof. Ed. Tusch, Vienna, 1984, ISBN 3-85063-157-5.
  • "Austria", Guida TCI, 1996, pag. 104.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN123230579