Chiesa di San Giuseppe (Crotone)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di San Giuseppe
Chiesa di San Giuseppe, Crotone.jpg
StatoItalia Italia
RegioneCalabria
LocalitàCrotone
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareGiuseppe
Arcidiocesi Crotone-Santa Severina
Stile architettonicobarocco
Inizio costruzioneXVIII secolo
CompletamentoXVIII secolo

Coordinate: 39°04′46.96″N 17°07′47.79″E / 39.079712°N 17.129941°E39.079712; 17.129941

La chiesa di San Giuseppe è un luogo di culto cattolico situato all'interno del centro storico di Crotone in via Risorgimento.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa fu costruita nel primo Settecento, da principio per ospitare la Confraternita di Maria Addolorata. La consacrazione fu officiata nel 1756 da Domenico Morelli.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa di San Giuseppe è un monumento di interesse di Crotone.

L'edificio attuale è il frutto della ricostruzione avvenuta nel 1719 di una struttura preesistente, avvenuto per opera del diacono Onofrio De Sanda[1], appartenente ad una vecchia famiglia cittadina di mastri carpentieri, e grazie all'elemosina dei fedeli. La chiesa è dedicata a San Giuseppe, protettore dei falegnami.

A suo ricordo è ancor oggi visibile l’iscrizione scolpita sull'architrave del portale: “D.O.M./ AD DIVO JOSEPHO 1719/ CURA HONUPHRII DE SANDA/ TEMPLUM PIORUM AELEMOSINIS ERECTUM”[1].

Al suo interno sono sistemati pregiati altari in marmo e sono conservate alcune statue devozionali lignee, fra cui si menzionano le statue di San Giuseppe, di San Gregorio Vescovo e di San Nicolò da Bari. Ai lati si aprono quattro cappelle, fatte realizzare in occasione della ristrutturazione dalle famiglie Sculco, Lucifero, Gallucci e Zurlo.

Di particolare pregio, nella cappella Gallucci-Zurlo, è custodito un Crocifisso in legno di fattura partenopea, scolpito nel XVIII secolo.

L'interno della chiesa è decorato con stucchi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b La chiesa di San Giuseppe e la congregazione dei nobili, su Archivio Storico Crotone, 10 marzo 2015. URL consultato il 3 agosto 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]