Chiesa di San Giuliano (Catania)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Via dei Crociferi
Chiesa di San Giuliano
ChiesaSGiuliano.JPG
Prospetto
StatoItalia Italia
RegioneSicilia Sicilia
LocalitàCatania-Stemma.png Catania
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
Arcidiocesi Catania
Stile architettonicoBarocco siciliano
Inizio costruzioneXVIII secolo

Coordinate: 37°30′15.7″N 15°05′06.4″E / 37.504361°N 15.085111°E37.504361; 15.085111

La chiesa di San Giuliano si trova a Catania in via dei Crociferi, nel quartiere Basilica Collegiata - San Giuliano.[1][2]

Cenni al culto[modifica | modifica wikitesto]

Prospetto.
  • San Giuliano di Le Mans detto il cenomanese.[3] Vescovo romano inviato in Gallia per predicare il Vangelo presso la tribù celtica dei Cenomani.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Epoca romano - bizantina[modifica | modifica wikitesto]

Dal primitivo eremo fuori le mura, ubicato sulla collina di Santa Sofia fin dal VI secolo d.C.,[4][5] le religiose si trasferiscono dentro la città all'inizio del XIII secolo nel quartiere della Civita, presso la chiesa di Santa Venera, verosimilmente ubicata nell'attuale sito della chiesa di San Gaetano alla Marina, fondando un monastero di clausura sotto il titolo di «San Giuliano».[2]

Epoca spagnola[modifica | modifica wikitesto]

Il monastero è riedificato nello stesso luogo dopo il disastroso terremoto del Val di Noto del 1693. Le religiose benedettine decisero di spostarsi in un'area più centrale ubicata tra la Strada Lanza, poi denominata Via di San Giuliano, e la Via dei Crociferi. Quest'ultima all'epoca era denominata dei Tre Santi, qui erano ubicate le fabbriche dell'Ospedale di San Marco,[6] che saranno permutate nel 1709,[7] insieme alla chiesa annessa, con il vecchio monastero benedettino. Il sito, ubicato nella primitiva area greco - romana, sorge sui ruderi di un tempio pagano.

Ricostruzione
La costruzione fu avviata nel 1741 dall'architetto Giuseppe Palazzotto probabilmente autore di un progetto di ampliamento e rielaborazione spaziale della pianta ideata dal padre crocifero Vincenzo Caffarelli, mentre allo scultore Gaspare Ciriaci fu affidato l'incarico di realizzare il prospetto. Tra il 1743 ed il 1749 è completata la facciata su Via dei Crociferi, ispirata a modelli del barocco romano. L'intero edificio fu completato intorno al 1754 corredato nella prima metà dell'Ottocento dal sagrato e dall'elegante cancellata in ferro battuto.

Il complesso monastico, in seguito all'emanazione delle leggi eversive concernenti la soppressione delle corporazioni religiose, perviene nella seconda metà dell'Ottocento all'amministrazione del Fondo degli Edifici di Culto del Ministero dell'Interno, che lo cedette al Comune di Catania nel 1875.

Epoca contemporanea[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1928 la chiesa fu concessa alla diocesi di Catania e, per la sua rilevanza culturale, fu sottoposta a vincolo monumentale di interesse storico-artistico nel 1937, divenendo oggetto, fino ad oggi, di diversi progetti ed interventi di restauro da parte della Soprintendenza per i Beni Culturali di Catania.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa si trova di fronte al Collegio dei Gesuiti ed è contornata da una preziosa cancellata in ferro battuto. La sua facciata convessa e le sue linee semplici le danno un aspetto di rara eleganza.

Impianto a croce greca, pianta ad ottagono allungato e bracci absidati, aula unica coperta dalla cupola e ornata da stucchi, cornici e modanature con profili in oro zecchino. Vestibolo di ingresso sormontato da cantoria, schermata da raffinatissime grate. Inferiormente al vestibolo, è collocata la cripta, per la sepoltura delle religiose. L'aula è impreziosita dal pavimento settecentesco con raffinati disegni in marmi policromi, opera dello scultore Giovan Battista Marino.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Pareti laterali[modifica | modifica wikitesto]

Sui quattro altari, ridisegnati alla fine del settecento dall'architetto Antonino Battaglia:

  • Cappella della Madonna delle Grazie: Madonna delle Grazie raffigurata con San Giuseppe e San Benedetto, dipinto opera di Olivio Sozzi.
  • Cappella di Sant'Antonio Abate: Sant'Antonio Abate in estasi, dipinto opera di Pietro Abbadessa.
  • Cappella di San Giuliano: San Giuliano con raffigurazioni di scene della sua vita, dipinto di autore ignoto del Settecento.
  • Cappella del Santissimo Crocifisso: Crocifisso, manufatto in alabastro, collocato al di sopra del gruppo statuario raffigurante la Crocifissione con Maria Addolorata, San Giovanni Evangelista e Santa Maria Maddalena.

Altare maggiore[modifica | modifica wikitesto]

Nell'abside si eleva su gradini il sontuoso altare maggiore, rivestito in marmi policromi, con elementi in bronzo dorato, realizzato dallo scultore Giovambattista Marino su modello attribuito a Giovanni Battista Vaccarini. La sopraelevazione è caratterizzata dalle statue allegoriche della Fede e della Carità collocate ai lati, e da due angeli adoranti sul gradino dell'ordine superiore, rivolti verso il raffinato tronetto, opera di Nicolò Mignemi ed espone un'antica croce dipinta.

L'insieme è sovrastato da un baldacchino coronato che raccoglie imponente lo spazio presbiteriale. Nel catino absidale è riprodotto il Dio Padre, la cupola è decorata con la raffigurazione di Dio Padre e San Pietro che consegna l'Evangelo a San Berillo, affreschi realizzati entrambi nel 1842 dal pittore Giuseppe Rapisardi.

Cripta[modifica | modifica wikitesto]

Ambiente deputato alla sepoltura delle religiose.

Monastero[modifica | modifica wikitesto]

Monastero femminile dell'Ordine benedettino sotto il titolo di «San Giuliano».[3]

Prima del terremoto del Val di Noto del 1693 i monasteri cittadini erano quattordici, il vescovo Andrea Riggio li ridusse a sei. Accomunati dalla regola di San Benedetto quelli titolati a «San Placido», «San Giuliano», «Santissima Trinità», «San Benedetto» e «Sant'Agata», il sesto condotto secondo la regola serafica di San Francesco si titolava a «Santa Chiara». Quasi tutte le monache dei sei monasteri appartenevano al patriziato catanese o alla ricca borghesia.

OESSH[modifica | modifica wikitesto]

Luoghi sacri di Sicilia custoditi dall'Ordine dei Cavalieri del Santo Sepolcro di Gerusalemme:[8]

Chiese a vario titolo correlate all'Ordo Equestris Sancti Sepulcri Hierosolymitani (OESSH):

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pagina 156, Abate Francesco Sacco, "Dizionario geografico del Regno di Sicilia", [1], Volume primo, Palermo, Reale Stamperia, 1800
  2. ^ a b Francesco Ferrara, pp. 541
  3. ^ a b Vincenzo Cordaro Clarenza, pp. 173
  4. ^ Vincenzo Cordaro Clarenza, pp. 240
  5. ^ Francesco Ferrara, pp. 57 e 541
  6. ^ Vincenzo Cordaro Clarenza, pp. 149
  7. ^ Francesco Ferrara, pp. 541 e 544
  8. ^ Chiese affidate all'Ordine in Sicilia [2].

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]