Chiesa di San Giovanni in Fonte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di San Giovanni in Fonte
Verona Duomo battistero DSCN6433.JPG
L'interno
StatoItalia Italia
RegioneVeneto
LocalitàVerona
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
Diocesi Verona
Stile architettonicoromanico
Inizio costruzione1120
Completamento1123
Sito webSito ufficiale

Coordinate: 45°26′51.42″N 10°59′50.75″E / 45.447617°N 10.997431°E45.447617; 10.997431

La chiesa di San Giovanni in Fonte, anticamente un battistero, è un edificio sacro situato a Verona, nei pressi della Cattedrale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il battistero venne realizzato nella prima metà del X secolo, ristrutturato poi secondo i canoni dell'architettura romanica. Come tipico dei battisteri era dedicato a san Giovanni Battista e l'appellativo "in fonte" si riferisce proprio alla fonte battesimale. Rispetto a quelli di altre città, questo si differenzia per la forma, infatti si tratta di una chiesetta a tre navate, con la maggiore più lunga rispetto alle minori.

La chiesa venne fatta ricostruire dal vescovo Bernardo dopo il terremoto del 3 gennaio 1117, con l'utilizzo di materiali più antichi. Vi sono numerose analogie con la chiesa di San Giovanni in Valle per quanto riguarda l'architettura e le sculture, quindi è molto probabile che i due edifici siano stati costruiti nello stesso periodo. La ricostruzione della chiesa venne conclusa nel 1123.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il fonte battesimale
Pianta del Duomo (in basso a sinistra) e del Battistero/Chiesa di San Giovanni in fonte (in alto a destra), in un disegno del XVIII secolo.

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

La muratura esterna, in filari di mattoni alternati a un filare di tufo, è propria del romanico maturo. Nella cornice esterna della navata centrale è presente un fregio simile a quello della chiesa di Santa Maria Antica.

Quattro feritoie si aprono nella parete della navata centrale e due in quella delle navate minori. La facciata a capanna corrispondente alla navata centrale è completamente realizzata in tufo. Sulla porta rettangolare oggi è visibile una nicchia con alcune tracce di un protiro scomparso. Pure le tre absidi corrispondente alle navate sono in tufo. All'interno della navata maggiore è presente il fonte battesimale realizzato nel Ducento, in marmo rosso di Verona, di forma ottagonale, in ogni lato è scolpito un riquadro.

Organo[modifica | modifica wikitesto]

Nella navata laterale di sinistra si trova il nuovo organo a canne Silvio Micheli. Lo strumento è a trasmissione meccanica, possiede una tastieradi 58 note ed una pedaliera dritta di 30 priva di registri propri. Di seguito la sua disposizione fonica:

Manuale
Principale bassi 8'
Principale soprani 8'
Ottava 4'
Decimaquinta 2'
Flauto in selva bassi 4'
Flauto in selva soprani 4'
Flauto in XII soprani 2.2/3'

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgio Borelli (a cura di), Chiese e monasteri di Verona, Verona, Edizioni B.P.V., 1981, ISBN non esistente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]