Chiesa di San Giorgio alla Costa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa di San Giorgio alla Costa
San giorgio alla costa 11.JPG
Esterno
StatoItalia Italia
RegioneToscana
LocalitàFirenze
ReligioneCristiana ortodossa rumena
TitolareGiorgio
DiocesiArcidiocesi ortodossa d'Italia e di Malta
ArchitettoGiovan Battista Foggini
Stile architettonicobarocco
Inizio costruzione1520
Completamento1708

Coordinate: 43°45′55.19″N 11°15′18.01″E / 43.765331°N 11.255003°E43.765331; 11.255003

La chiesa di San Giorgio alla Costa, o anche detta anticamente dei Santi Giorgio e Massimiliano dello Spirito Santo, è una piccola chiesa storica nel quartiere Oltrarno del centro di Firenze, situata nella ripida via Costa San Giorgio che dal Ponte Vecchio porta al Forte di Belvedere.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Anticamente esistevano in questo luogo tre piccole chiese di cui una intitolata San Giorgio martire, una a San Sigismondo e una terza a San Mamiliano. La chiesa di San Giorgio era anteriore all'anno mille ed era una delle principali priorie della Firenze medievale, e qui il giovane Giotto eseguì la tavola d'altare con la Madonna col Bambino in trono e due Angeli, oggi al Museo diocesano di Santo Stefano al Ponte. Ben presto fu aggiunto un convento, il quale fu ampliato e completamente rinnovato nel corso del XV secolo. Appartenuto ai Canonici di Sant'Andrea a Mosciano, ai Domenicani ed ai Silvestrini, nel 1520 per volere di Lucrezia de' Medici, figlia di Lorenzo il Magnifico, venne costruito un nuovo convento dedicato allo Spirito Santo e concesso alle monache vallombrosane. Nel 1705-1708 la chiesa venne rinnovata dall'architetto Giovan Battista Foggini e l'interno decorato da opere in stile rococò di Alessandro Gherardini (Ascensione al cielo di San Giorgio nella volta) e Antonio Domenico Gabbiani (Discesa dello Spirito Santo nell'ovale dell'altar maggiore). Gli stucchi sono di Giovan Battista Ciceri, le grate di Jacopo Pini, il tutto su disegno del Foggini. Tra le altre tele San Benedetto che resuscita un fanciullo di Tommaso Redi (1705 circa).

Il convento, come molti altri istituti religiosi della città, fu soppresso con la riforma napoleonica del 1808 e tra il 1926 ed il 1933 fu trasformato per ospitare la sede della Caserma Vittorio Veneto, che in particolare formava allievi ufficiali medici e chimici farmacisti per la Scuola di Sanità Militare.

La chiesa è stata fino al 2017 sede della Chiesa ortodossa Romena, che celebrava le funzioni nell'ex-coro delle monache. A causa di danni strutturali al tetto la chiesa vera e propria è stata chiusa circa 35 anni, prima di trovare uno sponsor che ha permesso la riapertura nel settembre 2017.

Opere già in San Giorgio alla Costa[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]