Chiesa di San Francesco da Paola (Reggio Emilia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa parrocchiale di San Francesco da Paola in Villa Ospizio
Chiesa di Ospizio.jpg
Chiesa parrocchiale di Ospizio
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
LocalitàVilla Ospizio di Reggio Emilia
Religionecattolica
Titolaresan Francesco da Paola
DiocesiDiocesi di Reggio Emilia-Guastalla
ArchitettoGeremia Manzini
Stile architettonicoArchitettura neoclassica
Inizio costruzione1769
Sito webwww.upgp2.it

Coordinate: 44°41′31.6″N 10°39′00.43″E / 44.69211°N 10.65012°E44.69211; 10.65012

La chiesa di san Francesco da Paola è il principale edificio religioso di Ospizio, quartiere del comune di Reggio Emilia, in provincia di Reggio Emilia e diocesi di Reggio Emilia-Guastalla; è sede di una parrocchia compresa nel vicariato Urbano di Reggio Emilia. Fa parte dell'Unità pastorale San Giovanni Paolo II assieme alle parrocchie di Sant'Alberto di Gerusalemme, San Maurizio, San Lazzaro e San Pasquale Baylon.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La fondazione della chiesa parrocchiale di Villa Ospizio risale all'anno 1769, con stralcio dalle parrocchie urbane di san Pietro, san Raffaele e san Biagio. La chiesa, divenuta parrocchiale nel 1784, fu eretta su un luogo che fungeva da soggiorno per la villeggiatura estiva dei seminaristi che già era occupato da una cappella dedicata a san Francesco da Paola. L'edificio religioso fu rifatto completamente da Geremia Manzini fra il 1815 e il 1839, assumendo la forma attuale. Il 31 dicembre 1832 la parrocchia fu elevata a prevostura. Fu nuovamente ristrutturato e completato nel 1906, anno in cui fu realizzata la facciata, e nel 1920, su progetto dell'ing. Carlo Parmeggiani. La chiesa è orientata verso sud, in affaccio alla via Emilia. È in stile neoclassico e presenta una facciata a capanna bipartita con frontespizio superiore, scandita da lesene appena accennate[1]. Le opere d'arte presenti al suo interno riguardano: la Consegna delle chiavi a san Pietro; il miracolo della Moltiplicazione dei pani e, al centro della volta, l'Ascensione. La statua di san Francesco da Paola è situata nel coro mentre su un altare laterale sono presenti la statua del Sacro Cuore di Gesù e la Madonna del Carmine. Presso il battistero è presente la piccola statua di san Giovanni che battezza Gesù Cristo e, sulla porta d'ingresso della chiesa, una copia su tela del Cristo in Croce di Guido Reni[2].

La torre campanaria porta ancora i segni degli spezzonamenti operati dall'aviazione alleata durante la seconda guerra mondiale.

La chiesa dispone di un organo a canne ristrutturato e ampliato nel 1995 dall'organaro Pierpaolo Bigi[3] di Castellazzo ed è sede della Cappella Musicale San Francesco da Paola[4]. Questa corale è diretta dal maestro Renato Negri[5], organista titolare della parrocchia e docente di organo all'Istituto Superiore di Studi Musicali di Reggio Emilia e Castelnovo ne' Monti "Achille Peri-Claudio Merulo"[6].

Le opere parrocchiali comprendono un circolo parrocchiale Acli con bar, un campo sportivo e la scuola materna Elisa Lari. Sino agli anni Novanta era operativo anche il cinema-teatro parrocchiale Verdi.

Ancora negli anni '80 in parrocchia erano presenti due ordini religiosi femminili: le Piccole Figlie dei Sacri Cuori di Gesù e Maria, che gestivano la scuola materna parrocchiale, e le Ancelle della Carità[7], che operavano presso il ricovero di mendicità comunale, oggi demolito.

Nella seconda metà del Novecento, dalla parrocchia di San Francesco da Paola, che comprendeva parte della periferia orientale di Reggio Emilia, sono state stralciate quattro nuove parrocchie: la parrocchia di sant'Alberto di Gerusalemme al Villaggio Stranieri-Bazzarola (1956), la parrocchia di sant'Antonio da Padova alla Rosta Nuova (1960), la parrocchia di san Pasquale Baylon al Mirabello (1982)[8] e la parrocchia di san Luigi Gonzaga alla Pappagnocca (1983). Negli anni Trenta la zona a ridosso di porta San Pietro e della stazione ferroviaria fu ceduta alla parrocchia intra mœnia di san Pietro di città.


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Walter Baricchi, Insediamento storico e beni culturali del Comune di Reggio Emilia, in IBC dossier 22, Reggio Emilia, Amministrazione comunale di Reggio Emilia, 1985.
  2. ^ Ferdinando Fabbi, Guida di Reggio nell'Emilia, Città del Tricolore, Reggio Emilia, Associazione turistica "Pro Reggio", 1962.
  3. ^ Scheda Organo Bigi (PDF), su 27d4e099-72b8-4b5c-a6b9-4d5666a4a55c.filesusr.com.
  4. ^ Cappella musicale San Francesco da Paola, su cappellamusicale.wordpress.com.
  5. ^ Renato Negri, su renatonegri.eu.
  6. ^ Istituto superiori di studi musicali di Reggio Emilia e Castelnovo ne' Monti, su peri-merulo.it.
  7. ^ Le diocesi di Reggio Emilia e Guastalla. Compendio di notizie e dati statistici, Reggio Emilia, AGE, 1984, p. 420.
  8. ^ La parrocchia fu istituita con apposito decreto vescovile ma mai resa operante né dotata di un proprio edificio religioso né opera parrocchiali. De facto è unita a Ospizio.