Chiesa di San Francesco (Pavia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa di San Francesco
Pavia Chiesa di San Francesco.jpg
Stato Italia Italia
Regione Lombardia Lombardia
Località Pavia-Stemma.png Pavia
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Titolare Francesco d'Assisi
Diocesi Pavia
Inizio costruzione 1228
Completamento 1298

Coordinate: 45°11′14.31″N 9°09′34.85″E / 45.187308°N 9.159681°E45.187308; 9.159681

La chiesa di San Francesco è un edificio religioso cattolico di Pavia. La sua edificazione fu iniziata nel 1228 e si concluse nel 1298. La chiesa si trova a nord est del blocco storico dell'Università. È parrocchia dal 1805.

Accanto alla chiesa sorge il convento dei frati Minori Conventuali che conteneva tre ampi chiostri, demoliti nel 1708. Il convento fu soppresso nel 1781 da Giuseppe II, che vi installò in Collegio Germanico-Ungarico, trasformato più tardi in caserma, ora sede del Collegio Cairoli.

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

La struttura della chiesa è a tre navate. All'interno si distingue una parte posteriore romanica, caratterizzata da una copertura a capriate su archi a tutto sesto e una parte anteriore gotica con copertura a volte costolonate bianche e rosse su archi a sesto acuto. Il progetto della cappella dell'Immacolata è di Giovanni Ruggeri.

Facciata[modifica | modifica wikitesto]

La facciata, costruita probabilmente all'inizio del Trecento, è caratterizzata da un effetto decorativo costruito sul contrasto tra il rosso del laterizio e il bianco dell'arenaria. Presenta, caso pressoché unico in Italia, un doppio portale, secondo lo stile francese, le cui aperture sono circondate da una decorazione bicroma a riquadri. La parte intermedia è interamente in laterizi ed ospita un'ampia trifora. La parte superiore degli spioventi è limitata da una decorazione di archetti intrecciati in laterizio su sfondo chiaro. Al di sopra vi sono cinque pinnacoli cilindrici decorati da due livelli di finte loggette.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

L'altare marmoreo è del 1777 ed ospita una pregevole Madonna attribuita al pittore barocco Bernardino Ciceri.

Nella chiesa sono ospitate le spoglie di alcuni personaggi illustri:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN152704283