Chiesa di San Francesco (Correggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa di San Francesco
Correggio3.jpg
Stato Italia Italia
Regione Emilia-Romagna
Località Correggio
Religione Cattolica
Diocesi Diocesi di Reggio Emilia-Guastalla
Inizio costruzione 1420
Completamento 1485

La chiesa di San Francesco è un edificio religioso sito in via Azzo da Correggio, a Correggio in provincia di Reggio Emilia. È la chiesa più antica della cittadina reggiana, qui vi riposano alcuni membri dell'illustre famiglia Da Correggio ed ebbe qui sepoltura il famoso pittore Antonio Allegri detto Il Correggio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Costruito una prima volta, nel 1420, da Giberto VIII da Correggio, fu ricostruito, tra il 1469 ed il 1470, per volontà di Manfredo II e di sua moglie Agnese Pio. L'edificio rimase tuttavia incompiuto e, tra il 1475 ed il 1484, fu finalmente portato a termine. Col passare dei tempi le furono aggiunte le cappelle barocche e le finestre furono modificate. La chiesa ospitò fino al 1638 due dipinti giovanili del Correggio: la Madonna di San Francesco, ora alla Gemäldegalerie Alte Meister di Dresda, e il Riposo in Egitto con san Francesco esposto oggi alla Galleria degli Uffizi a Firenze. Nel 1641 i resti del Correggio furono momentaneamente spostati nel chiostro, a causa dei lavori che coinvolgevano lo stabile della chiesa, da allora risultano dispersi[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa presenta una facciata in cotto, coronata con archetti foggiati a conchiglia. L'interno è diviso in tre navate con volte a crociera a nervatura. Le volte sono sostenute da colonne e pilastri ornati con capitelli marmorei sui quali s'impostano archi ogivali. Nella seconda cappella di destra vi è il quadro San Bernardino, ove il santo è intento a guarire uno storpio. Tale opera è attribuita al pittore calabrese Mattia Preti. Nella cappella in capo alla navata vi è la lapide tombale di Giberto VIII da Correggio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La sepoltura del Correggio, ilcorreggio.re.it. URL consultato il 22-9-2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guglielmo Piccinini, Guida di Reggio nell'Emilia e provincia, Reggio nell'Emilia, 1931

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]